Quantcast
Palazzo Visconti di Brignano sbarca a Chicago e incanta gli Usa - BergamoNews
La curiosità

Palazzo Visconti di Brignano sbarca a Chicago e incanta gli Usa fotogallery

Beatrice Bolandrini, sindaco di Brignano Gera d'Adda e Storico dell'arte, ha mostrato agli addetti ai lavori della conferenza RSA Renaissance Society of America le bellezze del secolare edificio brignanese.

Palazzo Visconti di Brignano Gera d’Adda sbarca a Chicago, grande successo negli Stati Uniti d’America per la relazione di Beatrice Bolandrini, sindaco di Brignano Gera d’Adda e Storico dell’arte, che ha mostrato agli addetti ai lavori della conferenza RSA le bellezze del secolare edificio brignanese.
L’occasione è stata delle più prestigiose e sicuramente Beatrice Bolandrini non poteva farsela sfuggire. Nei giorni scorsi, infatti, ha avuto l’onore di partecipare alla conferenza RSA – Renaissance Society of America -, uno dei più blasonati e famosi meeting legati alla storia antica e al Rinascimento, il quale si è tenuto quest’anno nella città di Chicago negli Stati Uniti. In uno degli hotel più lussuosi e affascinati della zona centinaia di storici provenienti da tutto il mondo si sono riuniti per presentare studi, ricerche, annotazioni ecc. relativi al periodo storico che va dal XIV secolo al XVI.
Per l’occorrenza il primo cittadino brignanese ha partecipato con un team di altri due ricercatori Italiani – Andrea Leonardi, dell’università degli studi di Bari e Laura Facchin, dell’università degli studi dell’Insubria – e ha catturato l’attenzione dei presenti grazie a una precisa e dettagliata relazione in merito alla collezione di opere d’arte che furono presenti all’interno dello storico Palazzo Visconti; collezione questa che nel corso degli anni, dal ‘600 fino all’800, è stata “smembrata” e venduta ai collezionisti di tutto il mondo dai proprietari dello stabile.
Celebri gli artisti che hanno realizzato queste opere, da Rubens per passare poi a Camillo Procaccini, Il Bramantino, Tiziano e Veronese arrivando infine a Giacomo Bassano e tanti altri, che nel complesso hanno dato vita a una galleria artistica tra le più belle e pregiate d’Europa.
“È stata un’esperienza incredibile – afferma Bolandrini – i partecipanti sono rimasti letteralmente rapiti dalle bellezze di Palazzo Visconti, un edificio magari meno famoso rispetto a quelli altre città più blasonate, che porta però in se una tale bellezza e importanza storica e artistica che ha attirato l’attenzione di molti addetti ai lavori stupiti da quanto stavano ammirando nelle fotografie e nelle slide che stavo mostrando”.
A quanto sembra non tutto è andato perduto a Palazzo Visconti, all’interno dello stabile sono infatti ancora presenti e ben custodite alcune pergamene, trattati e documenti antichi di enorme importanza storica, tra cui il più pregiato è sicuramente quello relativo alla nomina di Grande di Spagna dei fratelli Visconti rogato da Carlo VI. Un patrimonio invidiabile che il primo cittadino ha esposto in parte sotto forma di diapositive negli USA e che ora ha intenzione di valorizzare quanto prima, annunciando l’intenzione del comune di partecipare ad alcuni bandi regionali, per poter dar vita ad una nuova area museale all’interno di palazzo Visconti, in cui dare spazio all’esposizione di questi importanti documenti cartacei, realizzando cosi il sogno di espandere la “musealizzazione” del palazzo già partito alcuni anni fa con la creazione dell’esposizione delle maschere lignee presenti all’interno della sala del centauro al primo piano dell’edificio brignanese.
Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI