Tamponamento a catena a Clusone, tre i feriti - BergamoNews
Venerdì mattina

Tamponamento a catena a Clusone, tre i feriti

Non si registrano feriti gravi, tre persone sono state trasportate all’Ospedale Locatelli di Piario per accertamenti: una ragazza di 25 anni, originaria di Cerete, una 52enne di Clusone ed un signore di 56 anni sempre di Clusone

Sono tre le vetture rimaste coinvolte in un tamponamento stradale nella mattinata di venerdì 7 aprile a Clusone lungo Viale Vittorio Emanuele II, sulla strada provinciale.

Poco prima delle undici, un’autovettura che viaggiava in direzione Rovetta ha frenato all’altezza delle strisce pedonali, si presume per consentire a una persona di attraversare la carreggiata; le auto in transito non hanno avuto il tempo necessario per frenare e si è così creato un tamponamento a catena.

Non si registrano feriti gravi, tre persone sono state trasportate all’Ospedale Locatelli di Piario per accertamenti: una ragazza di 25 anni, originaria di Cerete, una 52enne di Clusone e un signore di 56 anni sempre di Clusone.

Sul posto per i rilievi sono intervenuti gli agenti della Polizia Locale di Clusone, mentre per assistere i feriti sono accorse un’ambulanza del Corpo Volontari Presolana, la Croce Blu di Gromo e un’automedica.

Il traffico, per consentire le operazioni di spostamento delle vetture, è stato regolato a senso alternato e nel giro di poco tempo è tornato a scorrere in modo regolare.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it