La mozione

Vaccini, la Regione Lombardia: “Saranno obbligatori per l’ammissione agli asili nido”

Con 34 voti a favore, 9 contrari e 7 astenuti (19 consiglieri non hanno partecipato al voto), il parlamento lombardo ha approvato la mozione che chiede l’obbligo di vaccinazione per l’accesso ai servizi per la prima infanzia

Il Consiglio regionale ha approvato con 34 sì (PD, Forza Italia, Lombardia Popolare, Patto Civico, Fratelli d’Italia), 9 no (Movimento 5 stelle e Sel), 7 astenuti (una parte della lista Maroni), 9 non partecipanti al voto (Lega) una mozione che impegna la Regione a introdurre il requisito dell’essere in regola con le vaccinazioni obbligatorie per poter ammettere i bambini agli asili nido della Lombardia.

Le vaccinazioni per i bambini nati nel 2013, riferite quindi a livello nazionale all’anno 2015, sono diminuite in quasi tutte le regioni. Un calo che riguarda sia quelle obbligatorie (antidifterica, antipolio, antitetanica, anti epatite B) sia alcune tra quelle raccomandate: in Lombardia scendono di oltre il 2% quelle per poliomielite, tetano, pertosse, difterite, epatite B; un calo maggiore per le vaccinazioni contro morbillo, parotite, rosolia.

Questa tendenza è ritenuta un rischio concreto di estesi focolai, come si è registrato per le epidemie di morbillo negli anni 2003, 2008, 2013. Di fronte alle iniziative di movimenti “antivaccinisti” e a una certa “disinformazione scientifica”, il capogruppo Angelo Capelli (Lombardia Popolare) ha proposto una mozione che impegna la Giunta regionale a introdurre come requisito d’accesso ai servizi sociali per la prima infanzia, pubblici e privati, l’avere assolto gli obblighi delle vaccinazioni prescritti dalla normativa vigente e sostenere, all’interno della conferenza Stato-Regioni, la proposta di una nuova legge nazionale che renda obbligatorie tutte le vaccinazioni previste nel Piano di prevenzione vaccinale 2017-2019 per l’accesso ai nidi e alle scuole materne. I fase di dichiarazione di voto hanno dichiarato il voto contrario M5S e Sel, a favore si sono dichiarati FI, PD, Lombardia Popolare, Patto Civico.

La Lega Nord e la Lista Maroni non hanno partecipato al voto, avendo preferito trattare una legge ad hoc e non una mozione.

mino favini

ROBERTO BRUNI: ORA SI DISCUTA PROGETTO DI LEGGE DEL PATTO CIVICO
“Ora si avvii una discussione seria sulla proposta di legge che abbiamo presentato un anno fa proprio per vincolare l’iscrizione agli asili nido all’esecuzione delle vaccinazioni obbligatorie. Chi non vaccina non arreca danno solo ai propri figli, cosa che è già sufficientemente grave, ma rischia di arrecarlo anche a tutti gli altri bambini. E questo davvero non è accettabile”.
Lo dichiara il capogruppo Roberto Bruni, commentando il sì dell’Aula alla mozione di Lombardia Popolare che ricalca proprio il progetto di legge presentato nel 2016 dal Patto Civico, finora mai calendarizzato nonostante le ripetute richieste.
“L’approvazione di questo documento, non contrastato dalla Giunta in difformità rispetto a precedenti prese di posizione – prosegue Bruni – segna una svolta importante sul tema da parte della Regione. Ed è certamente una buona notizia. Servono adesso un confronto vero e un provvedimento normativo. Quella tra informazione e imposizione rappresenta una falsa alternativa: informare è necessario, tuttavia occorre il rafforzamento di un obbligo che già c’è, ma che sanzioni sempre più blande e spesso inapplicate hanno vanificato”.

Mario Barboni

MARIO BARBONI, PD: “CHIEDIAMO AI GENITORI UN ATTO DI RESPONSABILITÀ”
Il consigliere regionale del Pd Mario Barboni dichiara: “Quello che si chiede con questa mozione e con il progetto di legge è un atto di responsabilità da parte di quei genitori che vogliono iscrivere i figli nelle comunità educative, per tutelare la salute di tutti. Regione Lombardia deve essere più efficace e chiara nel sostenere le campagne vaccinali. Questa mozione fa fare un passo avanti. Il calo progressivo della copertura vaccinale nella nostra regione sta mettendo a rischio la popolazione infantile e in particolare i bambini più deboli, che per ragioni mediche non possono essere vaccinati. Prova ne è il focolaio di morbillo scoppiato pochi giorni fa in una scuola materna dell’hinterland milanese. La guerra antivaccini di alcune forze politiche come il Movimento 5 stelle è irresponsabile e antiscientifica. Sorprende anche l’atteggiamento della Lega e dell’assessore Gallera, ma è un bene che la mozione sia stata approvata”.

Angelo Capelli

CAPELLI (LP): “UN RISULTATO IMPORTANTE PER REGIONE LOMBARDIA”
“Grazie all’impegno e alla responsabilità di alcune forze politiche, abbiamo ottenuto un altro risultato importante per Regione Lombardia che non si è sottratta alla responsabilità di fare applicare la norma sull’obbligatorietà dei vaccini, soprattutto a tutela dei bambini più piccoli” lo sostiene il capogruppo di Lombardia Popolare, Angelo Capelli, a seguito del voto favorevole emerso poco fa in Consiglio Regionale alla mozione sull’obbligo dei vaccini che lo vede come primo firmatario.
“Nel bilanciamento tra libertà di scelta e tutela della salute dei più deboli – aggiunge Capelli, impossibilitato ad intervenire in aula perché alla direzione nazionale di Alternativa Popolare –, per noi prevale la seconda, soprattutto in contesti vulnerabili come sono gli asili, frequentati anche da bambini troppo piccoli per vaccinarsi. Introdurre come requisito d’accesso ai servizi sociali per la prima infanzia, pubblici e privati, l’aver assolto agli obblighi vaccinali prescritti dalla normativa vigente”.
“Questo nulla toglie al valore delle compagni informative – conclude Capelli – ma se e dove non portano a dei risultati, come attestano le percentuali odierne, non potevamo stare fermi quanto sono a rischio la salute e la vita”.

Dario Violi

DARIO VIOLI, M5S: “SI’ AI VACCINI, NO ALLA COERCIZIONE”
“Non siamo stati, non siamo e non saremo mai contrari alle vaccinazioni obbligatorie né abbiamo mai contestato la loro utilità. Siamo contrari alla coercizione dei cittadini: i genitori devono essere informati e convinti alla vaccinazione dei figli come scelta consapevole e non, come vorrebbe la Regione Lombardia, costretti a vaccinare i loro figli. Questa mozione non farà altro che aumentare la confusione su di un tema delicatissimo”, così Dario Violi, consigliere regionale del M5S Lombardia, motiva il voto contrario del M5S al provvedimento sull’obbligatorietà dei vaccini per i bambini che si iscrivono all’asilo discussa e approvata oggi dal Consiglio regionale.

“I numeri delle vaccinazioni in Lombardia parlano molto chiaramente e la copertura è ampiamente al di sopra delle soglie di sicurezza: non serve escludere i bambini dagli asili per convincere i genitori a vaccinarli. Per di più una Regione non può rendere obbligatorio ciò che non lo è per la Legge nazionale e nemmeno discriminare i bambini nell’ambito dell’educazione pubblica sulla base di scelte dei loro genitori. Si rischiano frizioni assurde tra genitori con figli vaccinati e no. Lo ribadiamo: su questo tema non sono gli obblighi, le sanzioni o le imposizioni a fare la differenza ma una chiara e capillare informazione, che è proprio quella non esiste oggi in Lombardia”.

SAITA, LEGA: “SERVE UNA LEGGE E UN DIBATTITO APPROFONDITO”
“Non siamo contro le vaccinazioni ma siamo del parere che su questo tema si sarebbe dovuto intervenire con una legge regionale e non con una semplice mozione”. Così Silvana Saita, consigliere regionale del Carroccio, è intervenuta oggi in aula in merito alla mozione che propone l’obbligo di vaccinazione per l’accesso ai servizi di prima infanzia.
“Abbiamo proposto – prosegue Saita – di rinviare il dibattito nella Commissione Sanità affinché il tema non fosse esaurito nello spazio di pochi minuti di Consiglio Regionale ma, data l’importanza, potesse aver luogo un confronto ed una riflessione più approfondita, avendo inoltre tutti i dati a disposizione”.
Considerato il non accoglimento della nostra proposta il gruppo della Lega Nord ha deciso di non partecipare al voto”. “Si deve sottolineare il grande impegno della Regione per convincere le famiglie a vaccinare i propri figli come gesto importante nell’ottica della prevenzione e di attenzione alla loro salute. Entro aprile i 1300 pediatri di base riceveranno dalle ATS l’elenco dei circa 5000 bambini non vaccinati su 86.503, nati nel 2014 e che risultano scoperti per la esavalente e trivalente, al fine di confrontarsi e capire le motivazioni dei genitori. Finora la Regione ha lasciato libertà di scelta alle famiglie, evitando interventi coercitivi, ma favorendo azioni di formazione ed informazione. Un percorso forse più difficoltoso ma foriero di migliori risultati al fine di una maggiore consapevolezza dei genitori”.
“Bisogna infine tener presente – conclude Silvana Saita – che meno del 40% dei bimbi frequenta i nidi, pertanto nemmeno un’eventuale forzatura sarebbe servita a coprire il 100%”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI