L'Ungheria vuole bandire la stella rossa, simbolo di Heineken e della Sanpellegrino - BergamoNews
Il caso

L’Ungheria vuole bandire la stella rossa, simbolo di Heineken e della Sanpellegrino

Una legge in discussione nel Parlamento vuole vietare l'uso commerciale di svastica, falce e martello e stella rossa. Il motivo? Sono considerate simboli delle dittature che hanno oppresso il Paese

La tipica stella rossa presente da sempre sulle lattine e bottiglie di birra Heineken, ma allo stesso tempo nel logo dell’acqua minerale San Pellegrino e delle calzature sportive Converse, non deve piacere granché all’Ungheria del presidente nazionalista e ultraconservatore Viktor Orban.

Una nuova legge in discussione nel Parlamento vuole infatti vietare l’uso commerciale di “svastica, falce e martello e stella rossa nell’interesse dell’ordine e della morale pubblica”. Il motivo? Sono considerate il simbolo delle “dittature che hanno oppresso l’Ungheria”.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampaBloomberg’, tuttavia, l’Ungheria non avrebbe alcuna intenzione di creare problemi all’azienda bergamasca né a quella statunitense; al contrario avrebbe usato toni decisamente più duri nei confronti della Heineken, accusata di volere usare la stella rossa e altri simboli e metodi per espellere dal mercato locale e regionale una piccola fabbrica di birra in Romania ma di proprietà ungherese.

Dal canto suo, l’azienda che produce birra ha risposto che la stella rossa non sarebbe altro che un simbolo dei birrai olandesi risalente al Medioevo, e quindi non accostabile al comunismo.

leggi anche
  • Riorganizzazione
    Heineken annuncia 93 esuberi, interessato anche lo stabilimento di Comun Nuovo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it