BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Brignano, un regalo per le Giornate FAI: riapre al pubblico parte di Palazzo Nuovo fotogallery

Tornano le "Giornate FAI di Primavera" e per festeggiare la venticinquesima edizione Brignano Gera d'Adda fa un regalo a tutti i cittadini della Bassa: in via straordinaria dopo quasi 40 anni verrà aperto al pubblico parte di "Palazzo nuovo" presente nel complesso di Palazzo Visconti.

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano – anche per l’anno 2017 ha organizzato, nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 marzo, l’iniziativa “Giornate FAI di Primavera” che prevede l’apertura al pubblico di oltre 1000 siti di interesse culturale in tutta Italia con un impegno di oltre 7500 volontari e 35 mila apprendisti Ciceroni. Tra tutti questi siti sparsi per la penisola lo stendardo della Bassa bergamasca verrà portato da Brignano Gera d’Adda che per l’occasione aprirà le porte di “Palazzo Nuovo” dopo quasi 40 anni dall’ultima apertura al pubblico.

L’area, di proprietà di Rea Dalmine, è chiusa ai visitatori ormai da diversi anni e sta subendo diversi lavori di restauro al suo interno. Grazie ad un accordo in sinergia con la Delegazione FAI di Treviglio e il Comune di Brignano Gera d’Adda durante le due giornate del FAI verrà aperto ai curiosi circa il 40% di Palazzo Nuovo tra cui alcune delle sale più belle e caratteristiche della struttura come “La sala dell’eroe ferito”, “La sala dei fratelli Galliari”, “La sala di amore e psiche” – oggi conosciuta come “Cappelletta” – e l’imponente Salone d’onore, oltre che alla galleria del palazzo e al locale del “Teatrino”, uno dei più piccoli in Italia.

Un’occasione davvero unica per tutti gli amanti dell’arte che potranno visitare non solo la parte nuova di Palazzo Visconti ma anche la parte definita “vecchia”, già sede del Comune e di proprietà pubblica, la quale ospita al suo interno una serie di meravigliosi affreschi su pareti e soffitti e la mostra delle “Maschere lignee” allestita all’interno della “Sala del centauro”. Per chiudere in bellezza l’amministrazione brignanese ha predisposto anche la visita a chiese e luoghi storici del paese, tra cui la chiesa della “Madonna dei campi”, anch’essa raramente aperta al pubblico, che accoglie al suo interno una statua, all’altezza dell’altare, di valore inestimabile.

“Le Giornate di Primavera del FAI rappresentano un’importante iniziativa per il territorio e un’opportunità che aspettavamo da anni – afferma il Sindaco di Brignano Gera d’Adda Beatrice Bolandrini a margine della conferenza stampa di presentazione dell’evento – grazie al continuo dialogo con la proprietà di ‘Palazzo Nuovo’ verranno aperti entrambi gli edifici dando al pubblico la possibilità di visionare qualcosa che per moltissimi anni è stato nascosto. I palazzi Visconti di Brignano sono considerati una delle più belle pagine del Barocco lombardo e noi siamo fieri di poterli riaprire in queste due giornate”.

Questa importante iniziativa potrà godere infine di collaboratori d’eccezione. I ragazzi delle scuole medie di Brignano con gli studenti dei licei Simone Weil (Treviglio), Galilei (Caravaggio) e Mascheroni (Bergamo) collaboreranno con gli organizzatori all’interno della struttura assumendo il prestigioso ruolo di “Cicerone” guidando i visitatori alla scoperta delle bellezze di Palazzo Visconti e di Brignano Gera d’Adda.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.