Quantcast
"I Pooh, musica vecchia? No, piacciono anche a noi giovani" - BergamoNews
Musica

“I Pooh, musica vecchia? No, piacciono anche a noi giovani”

La musica non ha età e se è veramente forte, colpisce nonostante gli anni che passano ed ecco perché la musica dei Pooh piace anche a noi giovani. Parola di Silvia Colombo, classe 1989.


Chi non conosce i Pooh? Solo al sentirli nominare ai più verranno in mente una serie infinita di brani più o meno conosciuti ma in ogni caso “di un’altra epoca”. Musica per adulti, per chi è nato con loro e non di certo per i giovani d’oggi. E invece chi ha avuto occasione almeno una volta nella vita di partecipare ad uno dei loro concerti si sarà sicuramente reso conto che non è per niente così, e molto probabilmente si sarà ritrovato a cantare a squarciagola a fianco di qualcuno che magari aveva più o meno l’età dei propri genitori. Si è vero, probabilmente si tratta di una minoranza, ma una minoranza ben consistente quella dei giovani che ama la musica dei Pooh e che nelle loro canzoni si riconosce, e che fino a qualche mese fa affollava i loro concerti.

I più scettici saranno sicuramente subito portati a pensare che i giovani che ascoltano la band del bergamasco Facchinetti siano perlopiù ragazzi e ragazze cresciuti a “pane e Pooh”, costretti sin da piccoli ad ascoltare di quella Piccola Katy scappata di casa o a chiedersi continuamente chi avrebbe fermato la musica, e forse per qualcuno è stato proprio così; ma ci sono anche moltissimi giovani che alla musica dei Pooh si sono appassionati in modo totalmente autonomo, rendendosi conto che quella che per i coetanei era “musica vecchia” poteva nascondere messaggi attuali.

Pochi giorni fa – 3 marzo – ad esempio, è stato l’anniversario della vittoria al Festival di Sanremo del 1990 del brano Uomini Soli, che si è piazzata sul primo gradino del podio davanti a brani altrettanto immortali quali “Gli Amori” di Toto Cutugno e “Vattene Amore” di Amedeo Minghi e Mietta. Un brano dolce e forte nello stesso momento, un brano probabilmente ben poco sanremese, ma che ha saputo trattare di un argomento con cui chiunque nella vita si ritrova a fare i conti prima o poi. Il bellissimo testo che ha accompagnato le musiche scritte da Roby Facchinetti, è del compianto Valerio Negrini che, con la sua capacità di dipingere dei piccoli film della durata di una canzone, è riuscito a trattare con delicatezza e fermezza un argomento delicato come la solitudine, affrontandone tutte le possibili sfumature, dalla solitudine dovuta al lavoro, a quella causata dall’essere “in un mondo falso un uomo vero” . Un brano scritto da un ateo che si rivolge a Dio chiedendo spiegazione per questa particolare condizione dell’uomo moderno è sicuramente un brano innovativo, diverso ed emozionante, che continua ancor oggi ad essere accolto con standing ovation e grande partecipazione emotiva ad ogni sua esibizione.

Ma questo, per quanto conosciuto e pieno di spunti interessanti, non è ovviamente l’unico brano dei Pooh che tratta di argomenti tutt’oggi attuali: tra le più famose possiamo ad esempio citare Pierre, brano del 1976 che con grande anticipo è stata presentata al pubblico con tematiche che ai giorni nostri sono di grande quotidianità: come l’omosessualità, il rispetto e l’accettazione di sé, ma che all’epoca della sua pubblicazione erano quasi dei tabù. E si potrebbe scavare ancora più a fondo, per scoprire un universo disseminato di brani sconosciuti al grande pubblico che sono però il vero tesoro della discografia della band.

Non da ultimo è interessante anche sottolineare come l’operazione di lancio di nuove versioni di brani storici fatta durante lo scorso anno in occasione dei festeggiamenti per i 50 anni di carriera della band, ha sicuramente avuto un impatto importante su quella che è l’opinione di molti giovani, che si sono trovati ad ascoltare, apprezzare, e inserire con orgoglio nella loro playlist brani come Chi Fermerà La Musica, Pensiero o Noi Due Nel Mondo E Nell’Anima, che fino a qualche mese prima erano brani che probabilmente non avrebbero mai e poi mai scelto spontaneamente di ascoltare.

La musica non ha età, e se colpisce, colpisce, che sia stata scritta 2 mesi o 20 anni fa, e proprio per questo non bisogna soffermarsi all’età anagrafica di un artista per capire se il suo pubblico è formato da giovani o meno giovani. Certo, ci sono brani che sono stati scritti con stili e argomenti che forse nel 2017 non riescono più ad attirare i giovani, sempre desiderosi di cose nuove e diverse, ma sicuramente questo non è mai stato un problema dei Pooh.

Dal 1966 ad oggi, infatti, hanno continuato a rinnovarsi in modo geniale, rimanendo sempre fedeli a se stessi e alle loro basi e siamo certi che nonostante la loro storia si sia conclusa e purtroppo non avremo più occasione di vederli esibirsi insieme o di ascoltare nuovi brani con le loro inconfondibili voci, ci saranno sempre nuovi appassionati di una musica che, anche se scritta tempo fa, resta sempre attuale.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
pooh stefano d'orazio (foto Stefanino Benni)
Musica in lutto
Addio a Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh: “Perdiamo un fratello”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI