Informazione Pubblicitaria

Ortofrutta

Ortomercato

L’ora dei porri, digestivi e afrodisiaci: da assaggiare in zuppa

Ecco quale frutta e quale verdura sono protagoniste questa settimana al mercato ortofrutticolo di Bergamo. In pole position i porri che le nostre Amiche Sciroppate rendono appetitosi in zuppa con le puntarelle.

Sono i porri il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. Disponibili a un buon rapporto tra qualità e prezzo, sono ricchi di proprietà benefiche per il benessere dell’organismo.

Innanzitutto, sono buoni serbatoi di sali minerali oltre che di vitamina C e proteine. Contengono buone quantità di potassio, sono poveri di sodio e contribuiscono all’aumento della secrezione dei liquidi nel corpo e all’eliminazione delle sostanze tossiche attraverso i reni. Grazie alla loro composizione svolgono una preziosa funzione disintossicante e depurativa, sono consigliati per chi soffre di  malattie renali e per apportare benefici in caso di gonfiore. Inoltre, ai porri annoverano virtù diuretiche e leggermente lassative, che rendono il loro consumo particolarmente indicato in caso di problemi alle vie urinarie, stipsi ed emorroidi.

Ma non è tutto: riducono la formazione di gas intestinali e contengono abbondanti quantitativi di oli essenziali che stimolano la secrezione dei succhi gastrici; per questo sono un alimento adatto a migliorare la digestione. Ma non è finita: contribuiscono ad abbassare il livello di colesterolo “cattivo” nel sangue, aiutano a rafforzare il sistema immunitario, a prevenire le malattie cardiovascolari e, grazie alla presenza di polifenoli, hanno potenti proprietà antiossidanti che apportano benefici contro i radicali liberi, i primi responsabili delle malattie croniche e dell’invecchiamento. Secondo alcune ricerche, poi, sono considerati un cibo anticancro, cioè aiuterebbero nella prevenzione dei tumori.

Infine, ai porri sono attribuite proprietà afrodisiache.

Grazie alla buona quantità di fibre alimentari che contengono, sono un alimento poco calorico ma in grado di dare un efficace effetto saziante. In cucina viene solitamente utilizzata solo la parte bianca, cotta o cruda, anche se, per insaporire il piatto, in alcune ricette come il risotto, si può adoperare anche la parte verde delle foglie interne. Rispetto alla cipolla, hanno un gusto più delicato e sono ottimi per minestre, zuppe, insalate, torte salate, frittate e pastasciutta.

Più in generale al mercato ortofrutticolo, si notano quotazioni nuovamente tendenti al rialzo per le arance siciliane: come ampiamente preannunciato la disponibilità di prodotto è decisamente inferiore alle effettive esigenze. La qualità rimane molto buona, ma il susseguirsi di rincari spinge l’attenzione del consumatore anche verso varietà con altre provenienze e più convenienti.

È solo ed esclusivamente estera l’offerta di clementine, caratterizzate da buona qualità, ma il sapore è marcatamente differente rispetto al tradizionale prodotto nazionale. Deciso e inconfondibile il profumo e l’aroma dei mandarini siciliani: le richieste non entusiasmano, ma nemmeno la disponibilità di merce non è moltissima.

Intanto, si registra una buona richiesta per le fragole, che si possono trovare principalmente con origine siciliana anche se si rileva un evidente aumento dell’offerta dell’ottimo raccolto proveniente dalla Basilicata, per il quale l’indiscusso valore aggiunto permette di spuntare quotazioni di primissimo piano.

Dopo l’aumento delle quotazioni delle pere di varietà Abate Fetel nazionali, si scorgono i primi arrivi dall’estero e quotazioni in lieve fermento anche per le altre varietà con origine nazionale.

Passando al comparto orticolo, vale la pena si evidenziare il graduale aumento dell’offerta di asparagi con origine italiana che man mano sostituirà la quota di mercato attualmente occupata dal prodotto peruviano e messicano.

Risultano decisamente favorevoli al consumatore le quotazioni di cavolfiori e broccoletti verdi, ovviamente con origine esclusivamente nazionale. Sono in forte contrazione le quotazioni delle cicorie Catalogna e Catalogna cimata per le quali attualmente i prezzi si assestano entro valori nella norma per il periodo. Listini in ribasso anche per le lattughe, sia Gentile sia Cappuccio: anche in questo caso i valori rientrano nella media stagionale.

Complice l’inizio dell’offerta del prodotto locale, crollano anche le quotazioni del prezzemolo, prodotto per il quale i prezzi fino alla settimana scorsa erano rimasti condizionati da un’offerta che non pareva ripartire. Quotazioni nuovamente tendenti al ribasso per le zucchine: le migliori sono ancora quelle provenienti dal Lazio, areale produttivo che attualmente sembra garantire un’offerta più che sufficiente a soddisfare le esigenze su scala nazionale.

Per concludere, per quanto riguarda la produzione locale, l’innalzamento delle temperature permette un graduale, ma lento aumento dell’offerta sia in termini di volumi sia varietale mentre, sempre a causa dell’incremento delle temperature, occorre che la scarola dei colli bergamaschi ancora nei campi debba essere raccolta e distribuita con una maggior velocità senza che le sue caratteristiche organolettiche vengano danneggiate dal clima eccessivamente primaverile.

La ricetta della settimana a cura delle Amiche Sciroppate

ZUPPA DI PORRI E PUNTARELLE

INGREDIENTI per 4 persone

1 cespo di puntarelle

2 patate grosse

1 porro

olio evo qb

brodo vegetale qb

rosmarino

crostini

sale e pepe

zuppa porri

PROCEDIMENTO

Pulite il porro, tagliatelo a rondelle sottili e fatelo soffriggere in una pentola capiente con dell’olio extravergine di oliva.

Unite poi due patate tagliate a cubetti molto piccoli e fate insaporire con il porro per qualche minuto.

Ora pulite le puntarelle e tagliatele a tocchetti.

Utilizzate anche le foglie, quelle più tenere e tagliatele a listarelle.

zuppa porri

Aggiungetele alle patate e ai porri e dopo qualche minuto coprite il tutto con del brodo vegetale bollente.

Cucinate la zuppa per circa un’ora, aggiustate di sale e pepe e spegnete i fornelli.

Lasciatela riposare qualche minuto, servitela calda con qualche ago di rosmarino e accompagnata da dei crostini croccanti!

Buona zuppa a tutti!

zuppa porri
Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI