Quantcast
Campionati italiani tiro con l'arco, il bergamasco disabile Simonelli trionfa sui normodotati - BergamoNews
L'impresa

Campionati italiani tiro con l’arco, il bergamasco disabile Simonelli trionfa sui normodotati

Il vice campione paralimpico Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre) di Gorlago vince il titolo italiano Indoor nel compound maschile a Bari

Il vice campione paralimpico Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre) di Gorlago vince il titolo italiano Indoor nel compound maschile a Bari. L’azzurro ha battuto in finale Jacopo Polidori (Arcieri Torrevecchia) 144-141. Dopo aver vinto più volte il titolo Nazionale Para-Archery, Simonelli è al primo successo assoluto tra i normodotati.

Dopo un’ischemia midollare nel 1993, Simonelli è ridotto in sedia a rotelle. Ha cominciato a praticare tiro con l’arco poco dopo, diventando un atleta dell’A.S.D Polisportiva Handicappati Bergamasca; nel 1996 entra a far parte della Nazionale paralimpica italiana e nel 1999 consegue il diploma di Istruttore Federale, potendo così insegnare lo sport ad altre persone portatrici di handicap e normodotati.

Ottiene il primo risultato di rilievo nel 1997, quando vince il titolo europeo individuale a Foligno. Una lunga carriera di successi, fino all’impresa nella gara di Bari. Sul terzo gradino del podio è salito Sergio Pagni (Arcieri Città di Pescia) grazie al successo 144-143 su Manuel Festi (Kappa Kosmos Rovereto).

Si sono così conclusi alla Fiera del Levante di Bari i Campionati Indoor di arco olimpico, nudo e compound individuali e a squadre, che hanno visto 900 arcieri sulle linee di tiro. Sul podio più alto, insieme agli altri nuovi campioni individuali Michele Frangilli, Lucilla Boari, arcella Tonioli, Demetrio Bruschi e Valeria Congiunti, anche l’atleta bergamasco delle Fiamme Azzurre Alberto Simonelli, protagonista in carrozzina nella sua specialità, l’arco compound, dai 18 metri.

“Grande Alberto! Sul tuo talento -ha commentato Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico-, allenato con tenacia e grinta esemplari, da vero professionista, non avevamo dubbio. Ti inserisci nel solco della grande tradizione arcieristica azzurra, primissimo esempio di concreta integrazione tra atleti olimpici e paralimpici, a partire da Paola Fantato, azzurra in carrozzina convocata alle Olimpiadi di Atene 2004. Nel complimentarmi con te per questo storico traguardo, ti auguro di mantenere alta l’asticella delle ambizioni e dritta la mira al prossimo traguardo, i Mondiali di Pechino a settembre prossimo”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI