BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Teamitalia

Informazione Pubblicitaria

Sfilata di mezza quaresima, aperte le iscrizioni fino al 12 marzo fotogallery

Fino alle 18 di domenica 12 marzo è possibile iscriversi alla sfilata di mezza quaresima accedendo al sito internet del Ducato di Piazza Pontida.

Sono ancora aperte le iscrizioni per la sfilata di Mezza Quaresima. Sarà possibile comunicare la propria adesione fino alle 18 di domenica 12 marzo, esclusivamente online collegandosi al sito internet del Ducato di Piazza Pontida www.ducatodipiazzapontida.it.

Dal 1924 il sodalizio di tradizioni, cultura, arte e folclore organizza a Bergamo il Rasgamènt de la Ègia e la sfilata di mezza Quaresima. La manifestazione, caposaldo della tradizione popolare orobica, si svolgerà quest’anno sabato 25 e domenica 26 marzo, con un prologo di spettacoli folclorici venerdì 24 marzo al Quadriportico del Sentierone.

Una sfilata di volti, colori, suggestioni e racconti che solleticano la fantasia: ecco cos’è la Sfilata di mezza quaresima, evento simbolo di Bergamo, che lo scorso anno ha raccolto l’adesione di più di sessanta carri allegorici e gruppi danzanti, con più di 4 mila figuranti, provenienti da tutta la provincia e non solo.

Si tratta di una tradizione che si perde nel tempo, quando la parata con la sua carica di sfrenata spensieratezza smorzava il rigore del periodo quaresimale. Oggi l’iniziativa ha quasi completamente perso la connotazione religiosa, ma conserva il suo vivace fascino carnevalesco e si configura come un evento goliardico di grande richiamo, capace di attrarre migliaia di persone. La sua atmosfera gioiosa, i carri allegorici e la tradizionale cerimonia del “Rasgamènt de la Égia”, con cui si mettono simbolicamente al rogo le brutture della città, contribuiscono a rendere Bergamo un luogo in cui il folclore e la cultura popolare occupano una sempre più significativa dimensione.

Nel tempo, la festa di piazza che accompagnava questo rituale, vero nucleo fondante di questo carnevale, è andata via via prendendo una forma definita: da semplice momento goliardico e aggregativo, ha trovato una sua forte identità nella sfilata dei carri allegorici e dei gruppi danzanti che sfilano per le vie del centro città, secondo un percorso ormai consolidato che dalla stazione ferroviaria termina in piazza Pontida, una delle più antiche della città, dove ha sede l’associazione organizzatrice.

I festeggiamenti quest’anno cominceranno venerdì 24 marzo, con l’esibizione di gruppi folclorici nazionali e internazionali nelle piazze della città.

Il giorno seguente, sabato 25 marzo si terrà l’elezione della Égiapiöbèla (la “Vecchia più bella”) tra le maschere che prenderanno parte alla sfilata. Seguirà un concerto in piazza e il rasgamènt de la Égia, dopo un confronto pubblico con i rappresentanti delle Istituzioni e gli interessati dal tema dell’anno, mirato a sviscerare il problema e a strappare una promessa di soluzione, si procederà con la pittoresca usanza del Rasgamènt: una sega illuminata da fuochi d’artificio taglierà in due un gigantesco cartellone raffigurante una megera, emblema del problema cittadino non risolto.

Domenica 26 marzo, invece, si terrà la sfilata dei carri di mezza quaresima. La parata si aprirà come di tradizione con il passaggio in carrozza del Duca di Piazza Pontida accompagnato dalla Égia piö bèla, seguito dalle maschere tradizionali bergamasche (il Giopì e la Margì), dai carri, da gruppi danzanti e tamburini. Infine, ci sarà il passaggio dei carri al cospetto della giuria con la proclamazione dei vincitori.

L’obiettivo è offrire uno spettacolo tradizionale ma vivo, perché basato sull’esperienza umana e sulla sua capacità di amplificare le energie creative. Si colloca in questa prospettiva il coinvolgimento degli studenti, chiamati ad approfondire, interiorizzare e rappresentare visivamente il tema dell’anno, sempre virato su argomenti di pertinenza civica.

Inoltre, farsi cerniera tra culture, sensibilità, generazioni, mettendo in circolo gli spunti nel segno dell’incontro e del confronto. Esemplare tra gli altri in questo senso la composizione della Giuria, formata da una quindicina di membri appositamente diversificati per età, sesso e professione, per garantire una rappresentanza a tutte le fasce della popolazione.
Infine, accogliere i contributi della collettività per costruire un evento partecipato su scala interregionale.

Ogni anno la kermesse ha significative ricadute socio economiche sul territorio e sui flussi turistici. È un evento che richiama a Bergamo numerosi visitatori e ciò si traduce in un indotto significativo per le attività commerciali della città e degli immediati dintorni, in particolare per il settore della ristorazione e dei trasporti.
Per consultare il programma dettagliato accedere al sito internet www.ducatodipiazzapontida.it

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.