Gianni Morandi, il "re" dei social, è il volto dell’iniziativa "Parole Ostili" - BergamoNews
Con bgy

Gianni Morandi, il “re” dei social, è il volto dell’iniziativa “Parole Ostili”

Gianni Morandi è il volto dell'iniziativa "Parole Ostili, un progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza 2.0 che ha il suo primo momento di confronto il 17 e 18 febbraio a Trieste.

Gianni Morandi è il volto dell’iniziativa “Parole Ostili”, un progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza 2.0 che ha il suo primo momento di confronto il 17 e 18 febbraio a Trieste.

Il popolare cantante, ormai re dei social, racconta la sua esperienza in rete e si fa testimonial contro gli abusi e le violenze in Internet. Il suo intervento a Parole Ostili ha per titolo: “Un ragazzo che come noi ama i Social e i Rolling Stones”.

In un’intervista al Corriere della Sera afferma: “I fan su Facebook? All’inizio pensavo fosse un videogioco. Tengo un diario da quando ero bambino, ci scrivo i miei pensieri”.

Parole Ostili, alla sua prima edizione, raduna una community trasversale di oltre 500 tra giornalisti, manager, politici e docenti per contrastare l’ostilità in Rete. Sono previsti gli interventi della Presidente della Camera Laura Boldrini, del giornalista Enrico Mentana (direttore del telegiornale de La7); oltre al sindaco di Bergamo Giorgio Gori e proprio Bergamonews, il vostro quotidiano online; o meglio il nuovo progetto per i giovani, BGY, giovani protagonisti coordinati da Lucia Cappelluzzo.

“Ritengo che sia molto utile unire le forze per lanciare una mobilitazione di tutti coloro che sono contrari all’odio in rete. L’hate speech non può rappresentare il prezzo da pagare per essere presenti sullo spazio digitale. Una community contro la violenza sul web fornisce uno strumento in più a disposizione di chi è impegnato a contrastare questo fenomeno ma anche di chi ne è, suo malgrado, vittima” ha dichiarato Laura Boldrini.

L’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo ha realizzato uno studio specifico sul tema “Diffusione, uso, insidie dei social network”.

Parole O_Stili intende far riflettere sull’influenza delle parole nella società e sull’importanza di sceglierle con cura, negli anni di tante notizie false (bufale), contenuti offensivi e discriminatori (hate speech), provocazioni, accuse infondate (trolling). All’appuntamento, organizzato con la Regione Friuli Venezia Giulia, sarà presentato un «Manifesto della comunicazione non ostile» contro i linguaggi negativi in Rete, spesso troppo e gratuitamente aggressivi.

leggi anche
  • Il sondaggio
    “Parole Ostili”, la prima community contro l’odio in rete: vota i principi del manifesto
    odio web
  • Convegno e manifesto
    Parole O_Stili: nasce una community contro l’odio sul web
    odio web
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it