• Abbonati
Il ricordo

Francesco morto in Australia, il dolore degli amici: “Arrivederci campione”

Era partito come fanno molti giovani della sua età, per trovare un lavoro e provare l'ebrezza di una nuova esperienza. Ma il destino ha deciso diversamente per il 25enne bergamasco

Era partito per l’Australia, come fanno molti giovani della sua età, per trovare un lavoro e provare l’ebrezza di una nuova esperienza; ma il destino ha deciso diversamente per Francesco Marozzo, 25enne di Bergamo che nel pomeriggio di venerdì 10 febbraio ha perso la vita dopo un terribile schianto in auto a Perth, in Australia Occidentale. Con lui, a bordo, c’era l’amico Sami Remadi, 23enne tunisino residente nel quartiere di Loreto, che se l’è cavata con quale ferita.

La dinamica del sinistro è al vaglio delle autorità australiane, che per approfondire le indagini sentiranno anche la versione dei fatti dell’amico, Sami. Pare che i due ragazzi, intorno alle 16.45 locali, stessero viaggiando a bordo di una Hyunday noleggiata sul posto. All’improvviso, per cause tuttora in fase di accertamento, la loro auto è stata travolta da un furgone Toyota Hiace guidato da un 18enne del posto. Francesco, che sedeva sul lato del passeggero, ha avuto la peggio, perdendo la vita poco dopo a causa delle lesioni riportate. Mentre Sami, che era alla guida, dovrà essere operato al volto.

I due erano partiti da Bergamo alla volta dell’Australia il 31 gennaio scorso, alla ricerca di un’occupazione e di una nuova prospettiva di vita. Dopo alcuni giorni di ricerche, a Perth avevano trovato lavoro in una fattoria. Si sarebbero guadagnati da vivere raccogliendo la frutta dalle piante e, ironia della sorte, avrebbero dovuto iniziare proprio oggi, lunedì 13 febbraio. Quando l’incidente è avvenuto, infatti, stavano percorrendo la strada che porta alla cascina in cui avrebbero operato per sbrigare le ultime formalità.

Francesco, morto a 25 anni

Francesco Marozzo viveva con la famiglia in via Ghislandi a Bergamo, e nel tempo libero giocava a calcio nella squadra dell’Olimpia di Borgo Palazzo. Lascia nel dolore i familiari: la mamma Lorenza, il papà Stefano e la sorella Teresa, di 17 anni.

“Arrivederci campione”.Questo uno dei messaggi d’addio postato dagli amici sulla sua bacheca Facebook.

Amici che hanno a lungo cercato di mettersi in contatto con Sami, l’amico 23enne sopravvissuto all’impatto: “Fratello mio sto provando a contattarti in tutti i modi, vorrei avere tue notizie e spero tu stia bene”, ha scritto un amico che cercava informazioni su Facebook. “Sta bene ringraziando Dio”, ha risposto la madre.

Decine e decine i messaggi di solidarietà: “Abbiamo provato a contattare Sami in tutti i modi possibili ed immaginabili – raccontano gli amici del gruppo di Dalmine che il ragazzo frequentava regolarmente insieme al fratello Yassine -. La notizia dell’incidente è stata un colpo al cuore, ma ora che sappiamo che sta bene siamo tutti più sereni”.

Francesco Morozzo e Sami Remadi

(Francesco Marozzo e l’amico, Sami Remadi)

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI