“Parole Ostili”, la prima community contro l’odio in rete: vota i principi del manifesto - BergamoNews
Il sondaggio

“Parole Ostili”, la prima community contro l’odio in rete: vota i principi del manifesto

Una community trasversale di oltre 500 tra giornalisti, manager, politici e docenti per contrastare l’ostilità in Rete, che si riunirà per la prima volta a Trieste il 17 e il 18 febbraio, al quale interverranno, tra gli altri, la Presidente della Camera Laura Boldrini e il giornalista Enrico Mentana; oltre al sindaco di Bergamo Giorgio Gori e proprio Bergamonews, il vostro quotidiano online; o meglio il nuovo progetto per i giovani, BGY, giovani protagonisti coordinati da Lucia Cappelluzzo.

Stiamo parlando del progetto collettivo “Parole O_Stili”, che intende far riflettere sull’influenza delle parole nella società e sull’importanza di sceglierle con cura, negli anni di tante notizie false (le cosiddette bufale), contenuti offensivi e discriminatori (hate speech), provocazioni, accuse infondate (trolling).

All’appuntamento, organizzato con la Regione Friuli Venezia Giulia, sarà presentato un «Manifesto della comunicazione non ostile» contro i linguaggi negativi in Rete, spesso troppo e gratuitamente aggressivi. Attraverso un processo partecipativo e aperto a tutti che si concluderà il prossimo 10 febbraio, questi stessi princìpi potranno essere votati dagli tutti gli utenti attraverso il sito web di Parole O_Stili (per votare clicca qui). I princìpi che raccoglieranno il maggior numero di preferenze andranno a comporre il Manifesto della comunicazione non ostile.

L’obiettivo non è quello di stigmatizzare dei comportamenti o evocare censure ma ci interessa invece creare consapevolezza e sensibilizzare le persone al tema dell’ostilità verbale, perché Parole O_Stili vuole dare a chiunque la possibilità di esporre la propria visione senza filtri o costringimenti.

leggi anche
  • Parole ostili
    Frenare la violenza sul web: una comunity, un convegno, un manifesto
    parole ostili
  • Con bgy
    Gianni Morandi, il “re” dei social, è il volto dell’iniziativa “Parole Ostili”
    Gianni Morandi
  • L'iniziativa
    I principi di Parole O_Stili nel linguaggio dei segni coi ragazzi della Donadoni
    parole ostili
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it