Quantcast
Unioni Civili nell'ex monastero: a Calolziocorte è polemica - BergamoNews
Politica

Unioni Civili nell’ex monastero: a Calolziocorte è polemica

La Giunta del Comune lecchese ha indicato in una delibera l'ex Monastero del Lavello come luogo dove poter celebrare matrimoni e unioni civili

Matrimoni, ma anche Unioni Civili nell’ex Monastero: a Calolziocorte scoppia la polemica.

La Giunta del Comune lecchese ha infatti indicato in una delibera l’ex Monastero del Lavello come luogo dove poter celebrare matrimoni e unioni civili.

“Un’offesa inaccettabile, che offende un simbolo religioso di secolare fede cattolica”, ha detto l’ex sindaco Paolo Arrigoni, senatore della Lega Nord.

“La scelta fatta era collegata ai matrimoni civili, non alle unioni”, ha risposto il sindaco Massimo Tavola, che nella vita è anche insegnante di religione.

Il primo cittadino ha poi ribadito come la decisione ultima spetti a chi sovraintende la struttura. Ovvero alla Fondazione Lavello che, per il momento, ha dato il suo via libera solo ai matrimoni.

 

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI