Quantcast
Emanuela Daffra, direttrice della Carrara, guida d'eccezione alla mostra "Un Lotto riscoperto" - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Fondazione Carrara

Esclusiva

Emanuela Daffra, direttrice della Carrara, guida d’eccezione alla mostra “Un Lotto riscoperto”

L8: ATTRAVERSO Bergamo è un progetto espositivo nato dalla collaborazione di più enti che si sviluppa in diversi luoghi della città.

In Accademia Carrara la mostra “Un Lotto riscoperto” si focalizza sulla tarsia della Creazione, proveniente dal Luogo Pio Colleoni, in dialogo con capolavori giunti appositamente in prestito da grandi istituzioni museali, quali le Nozze mistiche di santa Caterina d’Alessandria da Palazzo Barberini e l’Autoritratto dal Thyssen-Bornemisza di Madrid, da collezioni private veneziane e milanesi e dalla chiesa di Santa Maria Assunta di Celana. Il focus in Carrara si completa con le opere di Lorenzo Lotto già parte della collezione museale: il Ritratto di giovane, le predelle dei Santi Stefano e Domenico, la famosa Lucina Brembati, le Nozze mistiche Bonghi e la Sacra famiglia.

Noi abbiamo chiesto ad Emanuela Daffra, direttrice dell’Accademia Carrara, di guidarci in questo percorso espositivo.

Il percorso, poi, si approfondisce con il Lorenzo Lotto Tour – LLT, gestito dalla Fondazione Adriano Bernareggi, che permette, oltre all’ingresso al museo, la visita alle chiese di San Bartolomeo, Santo Spirito e San Bernardino, che custodiscono le omonime pale d’altare dell’artista veneziano. Chiude l’esperienza di visita alle opere presenti nella città di Bergamo il capolavoro del coro della Basilica di Santa Maria Maggiore, intarsiato da Lotto e Capoferri, visitabile grazie alla Fondazione MIA.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it