Spiazzi di Gromo: un'altra denuncia, con video del salvataggio, sulla seggiovia bloccata - BergamoNews
A natale

Spiazzi di Gromo: un’altra denuncia, con video del salvataggio, sulla seggiovia bloccata video

Due turisti di Bergamo sono rimasti bloccati sulla seggiovia degli Spiazzi di Gromo il giorno di Natale: i soccorritori sono intervenuti rapidamente e li hanno recuperati in tutta sicurezza in pochi minuti.

Dalla denuncia alla conferma: martedì 3 gennaio sul nostro quotidiano è apparsa la lettera di una lettrice appassionata di montagna che segnalava un guasto alla seggiovia che porta al Rifugio Vodala agli Spiazzi di Gromo (leggi)e poco dopo abbiamo ricevuto il video di un’altra turista che, lo stesso giorno, ha sperimentato in prima persona il blocco.

“Io e il mio compagno – ha spiegato – il giorno di Natale siamo rimasti bloccati sulla seggiovia a causa di un guasto alla puleggia. Eravamo agli Spiazzi di Gromo per una gita e per arrivare al rifugio abbiamo preso la seggiovia. Poi, ovviamente, l’abbiamo presa anche al ritorno: all’improvviso, quando eravamo quasi arrivati a destinazione, si è bloccato tutto. All’inizio l’abbiamo presa sul ridere ma non ci siamo mai veramente preoccupati: poi siamo stati avvisati, tramite annuncio acustico, che da lì a poco sarebbero arrivati i soccorsi. L’allarme è stato dato da una famiglia con bambini che nello stesso momento stava salendo al rifugio Vodala: ci è stato riferito che la macchina dei soccorsi si è messa in moto solo in quel momento perchè il sistema di sorveglianza non segnalava alcun guasto. In pochi minuti i soccorritori sono arrivati a bordo di alcune motoslitte e ci hanno calati dal sedile tramite delle corde: sono stati bravi e veloci, non ci siamo mai sentiti in pericolo”.

 

leggi anche
  • La denuncia
    “Spiazzi di Gromo, a terra pezzi di seggiovia: chi verifica la sicurezza?”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it