Il magistrato-direttore d'orchestra: Gianluigi Dettori conquista il Kazakistan - BergamoNews
La curiosità

Il magistrato-direttore d’orchestra: Gianluigi Dettori conquista il Kazakistan

Il sostituto procuratore della Repubblica di Bergamo ha diretto l'Orchestra Filarmonica di Stato Zhambyl di Almaty: "Davvero emozionante"

Dalla toga da magistrato al frac da direttore d’orchestra il passo è breve, almeno per il sostituto procuratore della Repubblica di Bergamo Gianluigi Dettori. Il pubblico ministero di origine cagliaritana, nella sua seconda veste, ha conquistato il pubblico di Almaty, la città più popolosa del Kazakistan e già capitale dell’ex repubblica sovietica.

Il maestro Dettori, fin da piccolo grande appassionato di musica, che ha studiato per anni, nella serata di mercoledì 7 dicembre ha diretto l’Orchestra Filarmonica di Stato Zhambyl di Almaty, in un concerto organizzato dall’Associazione per il Commercio Italo Kazako in favore di due Onlus della città con anima italiana, Masp e Villaggio dell’Arca, entrambe attive nel campo dell’assistenza, formazione e avviamento al lavoro di minori vulnerabili.

La serata ha visto l’esecuzione da parte dell’orchestra di un programma di musica lirica italiana, da Donizetti a Verdi. Circa 600 gli spettatori, che hanno elogiato il magistrato-musicista, con entusiasmo e prolungati applausi in attesa del bis.

Un’ulteriore affermazione della cultura musicale italiana all’estero. “Mai mi sarei aspettato non tanto gli applausi al concerto, perchè Verdi fa sempre il suo successo – le parole di Dettori – quanto essere andato al conservatorio ed essere accolto dagli studenti in piedi che applaudivano: davvero emozionante”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it