"Voglio farla finita": arrivano due poliziotti e gli salvano la vita - BergamoNews
A treviglio

“Voglio farla finita”: arrivano due poliziotti e gli salvano la vita

È successo nella serata di giovedì 1 dicembre. Il 40enne, trovato a terra ormai privo di conoscenza, aveva inviato un sms alla sorella

Due poliziotti salvano la vita a un uomo che aveva deciso di farla finita. È successo nella serata di giovedì 1 dicembre a Treviglio. Intorno alle 20, un 40enne residente in via Cavour, ha inviato un sms alla sorella che vive a Milano dal testo piuttosto eloquente: “Basta, voglio farla finita…”.

Un messaggio che ha allarmato la donna, la quale ha immediatamente contattato il 112. Gli operatori hanno chiesto l’intervento del commissariato trevigliese diretto da Angelo Lino Murtas.

Due agenti sono così partiti per cercare l’abitazione dell’uomo, anch’esso di origini milanesi, che si era trasferito nella cittadina della Bassa per una relazione sentimentale poi conclusa.

I poliziotti si sono recati all’indirizzo fornito dalla sorella, dove si trova un cascinale ristrutturato con numerose abitazioni. Ma la donna non sapeva quale fosse esattamente la casa.

Gli agenti hanno quindi iniziato la ricerca, fino a quando non sono giunti di fronte a un’appartamento al piano terra, con la porta socchiusa.

Hanno fatto irruzione nella casa e hanno trovato il 40enne riverso sul pavimento, ormai privo di conoscenza. A terra diverse scatole di farmaci che aveva ingerito, sul tavolo una lettera in cui spiegava le ragioni del suo gesto. A quel punto hanno chiesto l’intervento di un’ambulanza del 118, già pre-allarmata in precedenza.

I medici giunti sul posto hanno prestato le prime cure all’uomo, che è poi stato trasferito all’ospedale di Treviglio dove è stato sottoposto a una lavanda gastrica che gli ha salvato la vita.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it