Baby gang in azione: furto al negozio dell’ex campione di boxe - BergamoNews
A romano

Baby gang in azione: furto al negozio dell’ex campione di boxe

Una banda di ragazzini ha derubato il negozio di articoli sportivi di Enio Cometti, che li ha inseguiti fino alla stazione ferroviaria

Erano in otto, tutti poco più che maggiorenni, i componenti della banda che, nella mattinata di martedì 29 novembre, hanno derubato il negozio di articoli sportivi Cometti Sport di via Piave a Romano di Lombardia.

Un volta entrati nello store alcuni dei malviventi avrebbero distratto il titolare mentre gli altri avrebbero arraffato quanta più merce gli era possibile. Due paia di scarpe e qualche cappellino è stato il bottino recuperato dai giovani ladri: l’equivalente, all’incirca, di tre giornate di lavoro. Di certo, per via della loro giovane età, i membri della gang non hanno fatto i conti con il fatto che il negozio è gestito da Enio Cometti: classe 1951, un sacco di grinta da vendere ma, soprattutto, tre volte campione italiano di boxe dei pesi mediomassimi dal 1978 al 1980 e vicecampione europeo nel 1980.

“Li ho inseguiti – spiega l’ex campione – fino alla stazione di Romano dove, poi, sono stato sfidato. Lì uno di loro mi ha attaccato alle spalle facendomi cadere. Allora ho lasciato perdere perchè, contro otto persone, avrei potuto avere la peggio”.

Secondo la testimonianza di Cometti, i ladri, dopo averlo derubato, sarebbero fuggiti verso la stazione ferroviaria dove, poi, avrebbero preso il treno per Chiari. L’episodio, che ha generato un tam-tam sui social network, ha di nuovo aperto la ferita sul tema della sicurezza cittadina, da sempre sensibile.

Ma quello nel negozio di Cometti non è l’unico colpo messo a segno ai danni della famiglia: in passato anche il fratello Zaccaria, ex portiere dell’Atalanta, è stato vittima di un furto.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it