"Consegniamo un kebab", ma sono ladri: colpo da 2mila euro - BergamoNews
A sorisole

“Consegniamo un kebab”, ma sono ladri: colpo da 2mila euro

Hanno suonato al citofono con la scusa di dover consegnare un kebab. Poi si sono addentrati nell'appartamento di un 35enne portandosi via pc, contanti, oro e gioielli per un valore totale di circa 2mila euro

Hanno suonato al citofono del vicino con la scusa di dover consegnare un kebab, forse per distrarlo e attirarlo fuori casa. Poi si sono addentrati nell’appartamento di un 35enne portandosi via un computer portatile, circa 200 euro in contanti, oro e gioielli per un valore totale di circa 2mila euro.

È successo nella tarda serata di domenica 6 novembre in via IV novembre a Sorisole: uno dei tanti casi di furto in appartamento che si stanno verificando in questi giorni nell’hinterland bergamasco.

Stando alle informazioni raccolte, i ladri avrebbero agito almeno in due. Uno avrebbe intrattenuto per breve tempo il vicino con la scusa di consegnare un kebab, mentre gli altri sarebbero entrati nell’abitazione passando dal retro e arrampicandosi sulla fiancata prima di forzare la tapparella, rompere il serramento ed entrare così nella residenza del 35enne che al momento del furto non si trovava in casa. Dell’intrusione non si sarebbe accorto nemmeno il cane che vive in compagnia dell’uomo, un esemplare di Bovaro del Bernese.

Una volta rientrato in casa e resosi conto del danno subito, l’uomo ha denunciato il furto alle autorità competenti.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it