Noris e Fassi conquistano un doppio oro per la "Bergamasca scherma" - BergamoNews
Bergamasca scherma

Noris e Fassi conquistano un doppio oro per la “Bergamasca scherma”

Ottimi risultati per la Bergamasca Scherma bella gara di Saronno disputata domenica 23 ottobre.

La giornata di gare si è aperta con la spada maschile “categoria open” in cui hanno partecipato Matias Monzio e Amedeo Noris.

Entrambi hanno concluso la prima fase a gironi con degli ottimi risultati: una sola sconfitta ed ottimo 11º posto nella classifica parziale per Matias – che chiuderà nella stessa posizione la sua gara (sconfitto 15-6 dal veronese Masarin) -, solo vittorie invece per Amedeo, che conquisterà il secondo posto al termine della prima fase.

Dopo aver passato di diritto la prima diretta, il giovane spadista bergamasco vince per distacco un assalto dopo l’altro dimostrando un buon stato di forma e accedendo quindi alla finale. Dove, ad aspettarlo, c’è un altro bergamasco Giacomo Gazzaniga (Polisportiva Nando Capelli), ma il risultato 15-7 premia lo spadista della “Bergamasca scherma”.

Il secondo oro arriva nel pomeriggio grazie a Mattia Fassi, giovanissimo talento di soli 9 anni. All’esordio assoluto in gare ufficiali, Fassi replica il copione del mattino e grazie alla sequenza di vittorie conquista il gradino più alto del podio. Nonostante la sua giovane età, Mattia dimostra sangue freddo e anche dopo una rimonta da parte di Carlo Marini (Scherma Cariplo Piccolo Teatro Milano) mette a segno la stoccata vincente dell’8-6. Bravo anche Francesco Locatelli, 17º.

Un’altra medaglia per la “Bergamasca scherma” arriva in campo femminile e porta il nome di Matilde Bellini che chiude al 5º posto nella categoria “Prime Lame”. A coronare la bellissima giornata si aggiunge il buon piazzamento della cadetta Matilde Bettinaglio, 18ª nella massima categoria.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it