Bergamo

Vittorio Emanuele, la protesta continua: studenti in cortile, venerdì il faccia a faccia con la preside video

Resta alta la tensione al Vittorio Emanuele II di Bergamo. Dopo la decisione della Dirigente scolastica di vietare l’utilizzo del cortile dell’istituto agli studenti durante l’intervallo, lunedì 17 ottobre è scoppiata la protesta: 1300 alunni si sono riversati nell’atrio della scuola per far sentire la loro voce.

Gli studenti hanno attaccato la preside: “Non è stata corretta con noi – ci ha raccontato uno di loro -, ci ha mancato di rispetto prendendo questa decisione senza nemmeno avvisarci o chiederci un parere. Ci aspettavamo più trasparenza. Per questa ci siamo arrabbiati, non certo per il cortile o per la sigaretta”.

Martedì 18 ottobre la protesta è proseguita: un gruppo di studenti durante la ricreazione ha deciso di aggirare il divieto, aprendo le porte dell’istituto e uscendo comunque in cortile.

Una protesta ancora pacifica, come quella del giorno prima, finita però dopo pochi minuti quando il vicepreside ha chiesto ai ragazzi di tornare all’interno della struttura.

Venerdì mattina la Dirigente scolastica incontrerà i rappresentanti degli studenti: si cercherà di trovare un punto d’incontro. Il clima, intanto, resta teso.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI