Quantcast
"Stalking e ricatti a minore": giudice dispone gli arresti domiciliari per il 18enne di Cavernago - BergamoNews
La decisione

“Stalking e ricatti a minore”: giudice dispone gli arresti domiciliari per il 18enne di Cavernago

Sono stati disposti gli arresti domiciliari per il 18enne di Cavernago finito in manette martedì con le pesantissime accuse di stalking, tentata estorsione e detenzione di materiale pedopornografico.

L’indagine che ha portato all’arresto del giovane è scattata dopo la denuncia della stessa vittima: secondo l’accusa il 18enne avrebbe bersagliato di messaggi – passando, nell’ultimo periodo – alle minacce, una ragazza che aveva in passato frequentato. In particolare, il ragazzo l’avrebbe minacciata di divulgare (anche al padre di lei) le foto intime che la vittima gli aveva inviato su Whatsapp nel periodo della frequentazione se questa non avesse avuto un rapporto sessuale con lui.

Martedì l’incontro-trappola organizzato con l’aiuto dei carabinieri, che hanno così colto in flagrante il 18enne per il quale sono scattate le manette.

Mercoledì il ragazzo arrestato è stato sentito dal giudice per le indagini preliminari Marina Cavalleri. Secondo lui lo scambio di messaggi non sarebbe cominciato a maggio ma solo a settembre; e, inoltre, da parte sua non ci sarebbe mai stata nessuna richiesta di rapporti sessuali.

L’arresto è stato convalidato per il reato di stalking e il giudice ha disposto la misura dei domiciliari.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI