Strozza, 42enne morto investito dal suo furgone: c'è un indagato - BergamoNews
Le indagini

Strozza, 42enne morto investito dal suo furgone: c’è un indagato

Il pubblico ministero Gianluigi Dettori ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo e iscritto nel registro degli indagati un connazionale della vittima di 38 anni

C’è un indagato per la morte di Arbal Singh, l’indiano 42enne morto investito dal proprio furgone nella serata di giovedì 11 agosto in via Trieste a Strozza, dietro casa sua.

Un incidente con diversi punti ancora da chiarire e per il quale il pubblico ministero Gianluigi Dettori ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo e iscritto nel registro degli indagati un connazionale della vittima di 38 anni, suo collega di lavoro, che si trovava con lui al momento della tragedia.

Resta da chiarire se il 38enne al momento dell’investimento si trovasse a bordo del mezzo. E’ stata invece disposta una perizia per stabilire l’esatta dinamica dell’incidente e capire se il freno a mano fosse regolarmente azionato, o se ci sia stato un guasto.

Nel frattempo l’autopsia sul cadavere della vittima ha confermato la causa del decesso, provocato dallo schiacciamento da parte del furgone. Si avranno invece tra una settimana gli esiti degli esami per capire se il 42enne fosse sotto effetto di droga, alcol o medicinali.

L’uomo, sposato e padre di due figli, aveva aperto da solo una piccola ditta che si occupava di distribuzione di volantini pubblicitari e dava lavoro a diversi suoi connazionali.

 

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it