L'esposto del codacons

Costi della passerella di Christo: la Corte dei Conti apre un’inchiesta

Nelle scorse settimane il Codacons ha depositato una formale denuncia alla procura contabile relativamente ai costi dell'opera a carico della collettività

Dopo un esposto del Codacons la Corte dei Conti ha aperto un’inchiesta su Floating Piers, la passerella dell’artista bulgaro Christo installata sul Lago d’Iseo.

A darne notizia è la stessa associazione dei consumatori, che nelle scorse settimane ha depositato una formale denuncia alla procura contabile relativamente ai costi dell’opera a carico della collettività.

L’associazione dei consumatori ha chiesto di indagare sui costi sostenuti dagli enti locali per l’organizzazione dell’evento sul Lago d’Iseo, poiché a partire dall’inaugurazione dell’opera – si legge nella nota del Codacons – si registrarono disagi su più fronti, che hanno causato costi non indifferenti a carico della collettività: dai servizi di soccorso alle evacuazioni e al blocco dei treni, passando per la gestione della sicurezza e dell’ordine pubblico. Costi che – per il Codacons – potrebbero rappresentare uno spreco di pubbliche risorse.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI