Sul lago per visitare la passerella di Christo: una 27enne cade in acqua e muore - BergamoNews
A marone

Sul lago per visitare la passerella di Christo: una 27enne cade in acqua e muore

Caduta sabato pomeriggio a causa di un malore, è morta dopo un giorno. Ci sono voluti più di 30 minuti per ritrovarla e poi recuperare il corpo: era finito quasi sul fondo, a una decina di metri di profondità

Tragedia sul lago d’Iseo. Una 27enne turista rumena, ma da anni residente in provincia di Pavia, è caduta in acqua sabato pomeriggio ed è morta domenica mattina al Civile. Le flebili speranze di salvarla si sono spente dopo meno di 24 ore. Era rimasta troppo a lungo sott’acqua, senza respirare: un danno irreparabile.

La notizia è stata riportata da Brescia Today. La ragazza era sul lago per incontrare alcuni amici, e andare a passeggiare insieme sulla passerella di Christo. Ma sabato pomeriggio si è consumata la tragedia: intorno alle 14 è caduta in acqua praticamente di fronte al ristorante Galleria, a poche centinaia di metri dal centro di Marone.

Ci sono voluti più di 30 minuti per ritrovarla e poi recuperare il corpo: era finito quasi sul fondo, a una decina di metri di profondità. L’hanno trovata i volontari dell’idroambulanza di Camunia Soccorso, sul luogo insieme ai volontari di Santa Maria Assunta di Pisogne, in condizioni disperate.

Portata a riva e poi rianimata per almeno altri 40 minuti, il suo cuore aveva ricominciato a battere. La giovane è stata allora accompagnata al Civile in elicottero, ricoverata nel reparto di Rianimazione.

Secondo le prime ricostruzioni, data la dinamica della caduta potrebbe trattarsi di un malore, e non di un gesto volontario, ma l’ipotesi dovrà essere confermata dalle indagini.

 

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it