Salta Maran, e Reja lascia le porte aperte: "Resto a disposizione dell'Atalanta" - BergamoNews
Conferma in vista?

Salta Maran, e Reja lascia le porte aperte: “Resto a disposizione dell’Atalanta”

Il tecnico a Bergamonews: "Sono legato al club fino al 30 giugno. Prima di quella data non prenderò nessun tipo di impegno con altre società". Occhio a Pioli, che potrebbe insidiare il goriziano; ancora in corsa anche Gasperini

Abbandonata la pista Maran, che resta a sorpresa l’allenatore del Chievo, in casa Atalanta Percassi e Sartori sono rimasti con il classico pugno di mosche in mano. Il tecnico che per due settimane hanno seguito e corteggiato li ha sedotti e abbandonati, e il ruolo di mister nerazzurro per la prossima stagione resta con un enorme punto di domanda.

Così, torna a farsi viva – per l’ennesima volta – l’opzione Edy Reja.

Il tecnico goriziano si sta godendo il meritato riposo dopo le fatiche stagionali, ma, nonostante le tante voci circolate ultimamente, non ha ancora deciso quale sarà il suo futuro.

Uno certezza, però, Reja ce l’ha: “Fino al 30 di giugno sono l’allenatore dell’Atalanta – ha dichiarato a Bergamonews – e, come mi impone il contratto che ho firmato un anno e mezzo fa, resto a disposizione della società. Fino a quella data non prenderò nessun altro tipo di impegno”.

Ma, a questo punto, non è da escludere l’ipotesi di una conferma per l’ex tecnico di Napoli e Lazio: Percassi e Sartori, infatti, sono estremamente decisi a portare avanti la filosofia del 4-3-3 iniziata dopo l’esonero di Colantuono, e l’idea di continuare con Reja non dispiace a nessuno.

Nemmeno all’allenatore goriziano. Che resta in attesa di una chiamata da Bergamo.

Le alternative non manano: da Pioli (dato come favorito, se Reja venisse scartato) a Gasperini, passando per Corini e Giampaolo.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it