"Vogliamo farci cristiani", la richiesta dei profughi a Castione - BergamoNews
Iniziato il cammino

“Vogliamo farci cristiani”, la richiesta dei profughi a Castione

E' iniziato venerdì 29 aprile il cammino di preparazione al battesimo per alcuni dei migranti ospiti a Villa Jesus

E’ iniziato ufficialmente venerdì 29 aprile il cammino di preparazione al battesimo per alcuni dei migranti ospiti a Villa Jesus a Castione della Presolana. La casa, messa a disposizione dalla Parrocchia Santa Maria Immacolata delle Grazie di Bergamo, ospita dal luglio 2015 una trentina di profughi richiedenti asilo politico.

Nella giornata di venerdì 29 aprile, nella chiesetta di San Rocco, don Massimo Rizzi, responsabile dell’ufficio Migranti della Diocesi di Bergamo, e un padre filippino hanno iniziato i percorsi individuali per alcuni dei profughi che hanno richiesto di poter diventare cristiani.

Un cammino di fede che si inserisce nell’accoglienza, gestita dalla Caritas della Diocesi di Bergamo, che ha permesso anche di vivere momenti molto intensi di vita in comune, come la creazione di un orto, le lezioni di italiano e di un laboratorio artistico.

leggi anche
  • L'intervista
    Profughi, Rumiz: ordine e accoglienza non siano disgiunti
  • Trescore
    “Nel mio appartamento 4 profughi: seguo il Papa, rinuncio all’affitto”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it