Rita Borsellino: "Che emozione un parco dedicato a mio fratello e a Falcone" - BergamoNews
A dalmine

Rita Borsellino: “Che emozione un parco dedicato a mio fratello e a Falcone” video

“Un parco in nome della legalità”. E’ stato presentato così ai cittadini di Dalmine dall’amministrazione di Lorella Alessio il nuovo parco giochi Falcone Borsellino che sabato 30 aprile verrà inaugurato nella frazione di Brembo, in via Pio XII.

La notizia è arrivata anche a Rita Borsellino, nelle scorse settimane a Bergamo per la rassegna “Legalità ci sto dentro”, un ciclo d’incontri dedicato all’educazione alla legalità con l’impegno del centro studi Paolo Borsellino, dell’Oratorio di Borgo Santa Caterina e della Fondazione Papa Giovanni XXIII, e con il sostegno del Comune di Bergamo, della Provincia di Bergamo e dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo.

“E’ una cosa bellissima scoprire che, nonostante siano passati 24 anni, ci sia ancora chi pensi di dedicare a questi due grandi uomini un parco giochi – ha commentato Rita Borsellino, ospite nella redazione di Bergamonews -. Il parco giochi è uno dei luoghi in cui i bambini imparano le regole, imparano il rispetto l’uno dell’altro, imparano il rispetto della cosa pubblica e della natura; per me sapere che ci saranno dei bambini che giocheranno, rideranno e correranno in un posto che porta il nome di Paolo e di Giovanni mi regala un’emozione unica. Grazie Dalmine, grazie sindaco Alessio”.

leggi anche
  • Ospite a bgnews
    Rita Borsellino: “L’intervista a Riina Jr? Mi ha offesa come cittadina italiana”
    Rita Borsellino
  • La memoria
    Stragi di mafia, 25 anni dopo, Rita Borsellino: “I giovani devono capire e ricordare”
    Rita Borsellino
  • A 73 anni
    Addio a Rita Borsellino, testimone contro la mafia nel nome del fratello Paolo
    Rita Borsellino
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it