Bestemmie sui campi dell'oratorio, via il cartellino rosso - BergamoNews
A torino

Bestemmie sui campi dell’oratorio, via il cartellino rosso

Rivoluzione sui campi di calcio degli oratori: via il cartellino rosso per chi bestemmia. Invece dell'espulsione la sanzione sarà un allontanamento temporaneo.

Rivoluzione sui campi di calcio degli oratori: via il cartellino rosso per chi bestemmia. Invece dell’espulsione la sanzione sarà un allontanamento temporaneo.

È la decisione presa dal Csi di Torino, l’organizzazione sportiva di ispirazione e di area cattolica. Il cartellino azzurro non si era mai visto in un campo da calcio, ma a quanto pare lo si vedrà tra poco. L’arbitro buono, in veste di fata turchina, perdona non la parolaccia (già perdonabile da tempo) ma la vera e propria bestemmia, non il turpiloquio ma l’imprecazione blasfema, che da domani varrà come un fallo da ultimo uomo.
Una decisione che farà discutere, anche se uno dei dirigenti, Gianco Ferreri la spiega così: “Smoccolare non è bello, ma purtroppo ogni tanto scappa… Dopo tutto stiamo giocando al calcio”.

Convincerà i genitori dei bimbi che scelgono l’oratorio per far giocare i propri figli?

Più informazioni
leggi anche
  • La condanna
    Attentati Parigi, il Papa: “Giustificare odio col nome di Dio è una bestemmia”
    Generico
  • Curno
    Multa di 102 euro per una bestemmia
    Polizia Stradale
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it