Anoressia, il peso della sofferenza: moda, capriccio o follia? - BergamoNews
Il convegno

Anoressia, il peso della sofferenza: moda, capriccio o follia?

Si terrà in data 29 aprile alle 18 al centro Congressi Papa Giovanni XXIII, in Sala Loggioni, un convegno per presentare il romanzo verità “Mela amara” della scrittrice e autrice Ursula Vaniglia Orelli.

Si terrà in data 29 aprile alle 18 al centro Congressi Papa Giovanni XXIII, in Sala Loggioni, un convegno per presentare il romanzo verità “Mela amara” della scrittrice e autrice Ursula Vaniglia Orelli.

Al suo fianco interverranno il vicepresidente della commissione sanità regione Lombardia e il matrimonialista-presidente del centro studi famiglia, avvocati Angelo Capelli e Lorenzo Iacobbi.

In ambito medico daranno il loro contributo il medico psichiatra CDA dottoressa Gozzio Rosa e l’operatore socio sanitario del comune di Iesolo dottoressa Anna Gagliardo. Inoltre, come ospite d’onore, lo specialista in chirurgia plastica e ricostruttiva professor Giulio Basoccu.

Saranno presenti anche Matteo Rossi, presidente della provincia di Bergamo, dottor Alberto Mazzoleni, presidente della comunità montana Valle Brembana, dottor Roberto Facchinetti, presidente della comunità montana Valle Imagna, e dottor Luca Tironi, presidente provinciale Bergamo casartigiani.

Modererà l’onorevole Giovanni Sanga, membro della camera dei deputati.

Il tema di fondo tratta dell’anoressia, problema grave e sempre più diffuso, che ha raggiunto significativamente anche l’Italia con 3 milioni di persone affette da D.C.A. Nel 90% dei casi sono donne anche se l’incidenza maschile è in aumento. Ad oggi tra l’8 % e il 10% di ragazze in età compresa tra i 12 e i 25 anni ne soffre. Crescono anche casi di malati over 40 e persino oltre i 55-60 anni.
L’età media d’insorgenza di tali disturbi si aggira intorno ai 17 anni, età che, purtroppo, con il passare degli anni tende sempre più ad abbassarsi.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it