Quantcast
Ubi Spa, la forza dei fondi pesa in assemblea: ma è Moltrasio bis - BergamoNews
Economia

Ubi Spa, la forza dei fondi pesa in assemblea: ma è Moltrasio bis fotogallery

La lista dei fondi con il 51, 11% conquista tre posti nel consiglio di Sorveglianza di Ubi banca. Andrea Moltrasio confermato presidente. Inizia il Moltrasio Bis. Tra le nuove sfide del nuovo piano industriale la banca unica e apertura alle fusioni "ma solamente se creeranno valore" ha affermato l'amministratore delegato Victor Massiah.

Forza e responsabilità sono il binario sul quale i fondi hanno deciso di entrare e pesare nella prima assemblea di Ubi Banca in versione Spa.
I fondi vincono e pesano. Lo si era capito già nella mattina di sabato 2 aprile alla Fiera di Bergamo, dove accanto agli storici soci, volti noti dell’imprenditoria lombarda, bergamasca e bresciana in testa, hanno fatto il loro ingressi i delegati dei fondi di investimento. Alle 14 in punto l’esito finale: con il 51,106520% del capitale presente in sala la lista numero due (quella dei fondi) passa in vantaggio.

Se un brivido attraversa la platea per questo sorpasso, tutto rientra quando Andrea Moltrasio, presidente del Consiglio di Sorveglianza di Ubi Banca, con un aplomb britannico cita Alessandro Baricco e “rivoluzioni del gusto”, ovvero lo “strappo” che unisce Kate Moss e Maria Callas.
L’evocazione di mondi lontani, come la moda e la lirica, dai bilanci della banca non manca però di sottolineare “lo strappo”. La rivoluzione del gusto c’è. E’ evidente. I fondi hanno presentato una lista con soli tre nomi ed entrano a pieno titolo nel consiglio di Sorveglianza mostrando il loro peso. Un segnale forte alla banca, un gesto di grande responsabilità. Avrebbero potuto prendersi dodici posti in consiglio, ma non lo hanno fatto.
Non è nei piani dei fondi gestire direttamente una banca, ma solo indirizzarla e farla rendere. E questo non farà altro che piacere a tutti. E’ un’azione di grande responsabilità e riconosce di fatto il buon operato di chi fino ad oggi ha condotto e gestito Ubi Banca.

Questa la sintesi dell’assemblea che era iniziata con il Presidente del Consiglio di Gestione, Franco Polotti, che ha illustrato i dati relativi all’andamento dell’esercizio 2015 e dei risultati conseguiti, approvati l’8 marzo scorso dal Consiglio di Sorveglianza.

Il Consigliere Delegato, Victor Massiah, aveva quindi rappresentato il contesto attuale di riferimento in cui opera l’istituto e la prevedibile evoluzione della gestione. Massiah ha comunicato l’intenzione, ormai allo studio da tempo, di abbandonare il modello federale (con il consiglio di sorveglianza e il consiglio di gestione) per realizzare banca unica.

L’Assemblea ha poi approvato la proposta di destinazione dell’utile d’esercizio e la distribuzione di un dividendo unitario di 11 centesimi a ciascuna delle 900.316.743 azioni ordinarie di Ubi Banca in circolazione, al netto delle azioni proprie detenute in portafoglio, per un monte dividendi complessivamente pari a 99 milioni di euro. Il dividendo sarà messo in pagamento con data di stacco, record date e data di pagamento rispettivamente il 23, 24 e 25 maggio 2016.

L’ELEZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA
L’Assemblea ha successivamente proceduto alla nomina dei membri del Consiglio di Sorveglianza per il triennio 2016-2017-2018, del Presidente e del Vice Presidente Vicario.
In particolare, la “Lista SGR e Investitori Istituzionali” ha ottenuto la maggioranza dei voti espressi in Assemblea, pari al 51,11% mentre la lista “Accordo fra il Sindacato Azionisti UBI Banca SPA, il Patto dei Mille e la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo” ha ottenuto il 48,48% dei voti espressi in Assemblea.

Sulla base del voto di Lista sono quindi risultati eletti tutti e 3 i Candidati riportati nella “Lista SGR e Investitori Istituzionali” – i quali in sede di candidatura avevano dichiarato la propria volontà irrevocabile a non assumere la carica di Presidente e Vice Presidente Vicario del Consiglio di Sorveglianza – nonché i primi 3 Candidati riportati nella lista “Accordo fra il Sindacato Azionisti UBI Banca Spa, il Patto dei Mille e la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo”.
Conseguentemente, ai sensi di Statuto, si è proceduto alle previste deliberazioni, a seguito delle quali il Consiglio di Sorveglianza di UBI Banca risulta, per il triennio 2016-2017-2018, così composto:
Andrea Moltrasio, presidente; Mario Cera, Vice Presidente Vicario; i consiglieri: Giovanni Fiori, Paola Giannotti, Patrizia Giangualano, Armando Santus, Gian Luigi Gola, Pietro Gussalli Beretta, Pierpaolo Camadini, Letizia Bellini Cavalletti, Lorenzo Renato Guerini, Giuseppe Lucchini, Francesca Bazoli, Sergio Pivato, Alessandra Del Boca.
Il Consiglio di Sorveglianza nominato procederà alla verifica dei requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza in capo a ciascuno dei Consiglieri di Sorveglianza eletti nel rispetto dei termini previsti dalle vigenti disposizioni.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Victor Massiah, consigliere delegato di Ubi Banca
Assemblea 2016
Massiah, Ubi Banca: fusioni? Solo se creano valore
A generica
L'intervento
Federico Caffi: bene il dividendo Ubi, ora si punti alla banca unica
A generica
Fiera di bergamo
Ubi Banca, la lista dei fondi al 51%: ma Moltrasio resta al comando
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI