Quantcast
Bolandrini presenta la sua lista: "Ecco la mia Caravaggio" - BergamoNews
Verso le elezioni

Bolandrini presenta la sua lista: “Ecco la mia Caravaggio”

Claudio Bolandrini ha presentato il comitato e il simbolo della lista che assieme al Pd caravaggino darà vita alla coalizione che lo sosterrà alle prossime elezioni.

Claudio Bolandrini ha presentato il comitato e il simbolo della lista che assieme al Pd caravaggino darà vita alla coalizione che lo sosterrà alle prossime elezioni. Un comitato all’insegna del “sano e genuino civismo” che, come specificato dallo stesso candidato, con i democratici trova più valori condivisi che differenze.

Da professore di storia e filosofia quale è, Bolandrini auspica che Caravaggio venga accarezzato da una nuova corrente di Umanesimo, che vede al centro l’uomo con la sua identità inalienabile, al quale vorrebbe seguisse un Rinascimento in ambito culturale, umano ed economico.

“Partiremo da uno studio del territorio, ora in crisi, oltre che economica, anche culturale – ha detto nel suo intervento Bolandrini -. Il tutto in una visione europeista nella quale cercheremo di risolvere i problemi di Caravaggio”.

Un “no” fermo nei confronti dell’interporto che, secondo lo stesso Bolandrini, potrebbe avere effetti negativi e ricadute sul territorio come sulla cittadinanza: “La possibilità occupazionale – ha specificato – non è quella che ci aspettiamo. Negli altri centri logistici della zona, l’occupazione beneficia i residenti solo in maniera lieve”.

Il candidato sindaco ha poi presentato uno ad uno i componenti del comitato che hanno preso parte alla serata, specificando anche il ruolo che avranno all’interno della compagine.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it