• Abbonati
A cremona

Il pm Di Martino continua a cercare prove: “Le scommesse di Doni servivano all’Atalanta”

La lotta al calcioscommesse a Cremona è tutt’altro che finita. E il procuratore di Cremona Roberto Di Martino continua il suo lavoro.

Lui, tenace accusatore del mondo del calcio ormai da cinque anni, è ancora oggi convinto che le scommesse organizzate da Cristiano Doni, all’epoca capitano e uomo-simbolo del club nerazzurro, fossero in qualche modo uno strumento usato anche a favore dell’Atalanta, magari con la complicità dei vertici societari.

Di Martino questa tesi l’ha ribadita lunedì 21 marzo durante l’udienza preliminare, chiedendo il rinvio a giudizio per gli 80 imputati che non hanno chiesto né il rito abbreviato né il patteggiamento. Tra loro, appunto, figura anche Cristiano Doni. “L’allora capitano dell’Atalanta, accanito scommettitore — sono state le parole di Di Martino —, ha agito per favorire se stesso e l’Atalanta”.

Le carte processuali, però, dicono ben altro: l’Atalanta, secondo queste, non solo non sarebbe coinvolta nelle combine, ma sarebbe parte lesa. E, infatti, il club di Percassi parteciperà al processo di Cremona come parte civile.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI