Reja e il momento-no dell'Atalanta: "So di essere in discussione, è normale" - BergamoNews
L'intervista

Reja e il momento-no dell’Atalanta: “So di essere in discussione, è normale”

“So di essere in discussione, è normale quando non si vince”. Edy Reja torna a parlare dopo il ko interno della sua Atalanta con la Juventus, sconfitta che ha fatto allungare a tredici la striscia di gare senza vittoria dei nerazzurri.

“Abbiamo fatto un girone d’andata strepitoso ma adesso facciamo fatica a segnare – ha spiegato il tecnico goriziano ai microfoni di Tuttomercatoweb -. Son convinto che vincendo torneremmo subito a essere quelli del girone d’andata. Il mercato? Sono andati via giocatori importanti, è vero, ma ne sono arrivati altri altrettanto importanti che però magari non giocavano. Poi abbiamo un nuovo inserimento, con cinque giocatori accanto e non è facile trovare subito l’armonia tattica e l’armonia del gruppo. Siamo però sulla strada giusta, anche i nuovi cominciano a inserirsi”.

Domenica sera i nerazzurri saranno ospiti della Lazio, a Roma: “Sono convinto che già dalla prossima partita torneremo ad esprimerci su valori importanti. Rischio esonero? Son tanti anni che lavoro, c’è sintonia. C’è un clima abbastanza sereno. Le discussioni fanno parte del nostro lavoro. Sarebbe anormale se non ci fosse una discussione sul tecnico dopo sei punti in tredici partite, ma queste discussioni le lascio comunque alla società”.

leggi anche
  • Momento-no
    Crisi Atalanta, senza vittorie da 13 partite: Reja e Sartori, delusione e rabbia in rete
  • Appunti & virgole
    Mancano punti, morale, gol: questa Atalanta ora inizia a spaventare
  • Serie a
    C’è troppa Juventus: Atalanta nuovamente ko, ora la classifica si fa brutta
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it