Allarme a Costa Volpino: cani avvelenati nel parco dell'Oglio - BergamoNews
Insetticidi?

Allarme a Costa Volpino: cani avvelenati nel parco dell’Oglio

In poche settimane sono già tre i casi di avvelenamento, due solamente negli ultimi giorni. Il più recente è avvenuto venerdì scorso nel pomeriggio.

Cani avvelenati a Costa Volpino: in poche settimane  sono già tre i casi, due solamente negli ultimi giorni. Il caso più recente è avvenuto venerdì scorso nel pomeriggio, come il precedente, sempre nel pomeriggio di venerdì.

Gli avvelenamenti si verificano nell’area del parco del fiume Oglio con sintomi simili. I cani sopo l’intervento del veterinario sembra stiano bene. Intanto dalle prime verifiche pare si tratti di avvelenamento da insetticidi.

Ora bisogna capire cosa fa male ai quattrozampe, anche perché la zona del parco è frequentata dalle famiglie con bambini.

Avvelenare un animale è illegale, un reato penalmente perseguibile (rif. 544 bis cp “uccisione animali”, come introdotto dalla legge 189 del 2004). Inoltre l’art. 146 T.U. leggi sanitarie proibisce e punisce la distribuzione di sostanze velenose e prevede la reclusione da sei mesi a tre anni e un’ammenda pecuniaria.

 

Più informazioni
leggi anche
  • L'allarme
    Bocconi di prosciutto al topicida: ancora cani avvelenati a Carobbio degli Angeli
    Cane avvelenato
  • Val seriana
    Bocconi avvelenati, a Cene continua la caccia ai killer del cane
    Bocconi avvelenati a Cene
  • La denuncia
    “Bocconi avvelenati per i cani”, l’allarme a Gorlago e Zandobbio
    Bocconi avvelenati a Cene
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it