Parcheggio da 400 posti a Crespi? Un comitato per dire no a Percassi - BergamoNews
L'iniziativa

Parcheggio da 400 posti a Crespi? Un comitato per dire no a Percassi

Sabato 27 Febbraio a partire dalle 14, al Teatro di Crespi d'Adda di via Marconi si terrà il primo incontro per la Costituzione del Comitato di Opposizione alla costruzione dei parcheggi nella zona ex-orti.

Un comitato per dire ‘no’ alla costruzione del parcheggio nella zona ex-orti di Crespi d’Adda. Tra l’amministrazione comunale di Capriate San Gervasio e l’imprenditore Antonio Percassi, in merito al progetto di riqualificazione del villaggio operaio patrimonio dell’Unesco, si fanno largo i cittadini.

Sabato 27 Febbraio, infatti, a partire dalle 14, al Teatro di Crespi d’Adda in via Marconi si terrà il primo incontro per la Costituzione del Comitato di Opposizione alla costruzione dei parcheggi nella zona ex-orti. ll progetto è inserito nel Piano di ristrutturazione della ex fabbrica tessile di Crespi d’Adda, Sito tutelato dall’UNESCO come patrimonio mondiale, nell’ambito del progetto elaborato dalla Società Odissea del Gruppo Percassi.

Luciano Albani, cittadino di Capriate San Gervasio e membro del nascente comitato ‘No parking’, spiega: “La presenza di un parcheggio da 400 posti auto nel cuore del paese stravolgerebbe completamente la viabilità della zona”. Secondo i primi calcoli, sarebbero circa 2.000 i veicoli che transitano ogni giorno. “Esistono centinaia di posti auto al servizio del Parco Minitalia, usati prevalentemente il fine settimana – continua Albani -. Che senso ha costruirne altri quando è possibile utilizzare quelli che ci sono in condivisione? Abbattere 30.000 metri quadrati di area boscata per trasformarla in parcheggio, pur con le dovute mitigazioni e compensazioni ambientali, è un prezzo altissimo che la cittadinanza paga in termini ambientali. Ovviamente tutto si può fare, purché tutti ne traggano vantaggio: l’imprenditore, i cittadini e il territorio”.

In effetti, nel braccio di ferro tra il Comune di Capriate e la società di Antonio Percassi, sembrava che il tema del contendere fossero gli oneri di urbanizzazione troppo costosi: invece pare che le tensioni più forti si registrino proprio sul mega parcheggio in zona boschiva. E si dice che alla società Odissea sia stata avanzata una proposta: con parte degli oneri, il Comune allestirebbe una sorta di navetta che dal parcheggio di Leolandia arriverebbe al villaggio di Crespi d’Adda.

leggi anche
  • Il confronto
    Incontro in Regione per Crespi, il sindaco: “Riavviamo il confronto con Percassi”
  • L'intervento
    Crespi, l’urbanista del Comune: “Progetto come 1000 appartamenti, i servizi servono”
  • L'intervento
    Caso Crespi, il sindaco: “Per evitare aborto urbanistico servono opere per il territorio”
  • L'intervento
    Caso Crespi, l’architetto: “Il progetto trattato come qualsiasi urbanizzazione”
  • Economia
    Oneri pubblici troppo elevati: Percassi rinuncia al rilancio di Crespi?
  • La curiosità
    C’è anche Crespi d’Adda nei 10 luoghi unici al mondo secondo la guida Frommer’s
  • Botta e risposta
    Crespi d’Adda: “Velleitari contestatori a chi?”, tra i residenti scoppia la polemica
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it