Bocconi di prosciutto al topicida: ancora cani avvelenati a Carobbio degli Angeli - BergamoNews
L'allarme

Bocconi di prosciutto al topicida: ancora cani avvelenati a Carobbio degli Angeli

Dallo scorso maggio sono tre i casi di avvelenamento registrati.

Cani avvelenati a Carobbio degli Angeli, ancora una volta in via Moro. Già, perché non è la prima volta che succede. E dallo scorso maggio sono ben tre i casi di avvelenamento registrati.

Ancora una volta, nel mirino degli attentatori è finita Luna, la cagnolina del responsabile della Protezione Civile del paese. A metà dello scorso dicembre, il piccolo esemplare di border collie aveva già subito un primo tentativo di avvelenamento da parte di ignoti.

La tecnica? Sempre la stessa. Quella dei bocconcini di prosciutti farciti di topicida e lanciati nel giardino dell’abitazione.

La cagnolina è al momento in gravi condizioni, sottoposta alle cure di un veterinario.

Immediata la denuncia ai carabinieri, intervenuti per effettuare gli accertamenti del caso.

 

leggi anche
  • Val seriana
    Bocconi avvelenati, a Cene continua la caccia ai killer del cane
    Bocconi avvelenati a Cene
  • Val seriana
    Cene, bocconi avvelenati uccidono un cane: caccia aperta al colpevole
    Bocconi avvelenati a Cene
  • La denuncia
    “Bocconi avvelenati per i cani”, l’allarme a Gorlago e Zandobbio
    Bocconi avvelenati a Cene
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it