Quantcast
Bagni chiusi a chiave durante le ultime ore di lezione: "Disagi per studenti e disabili" - BergamoNews
La lettera

Bagni chiusi a chiave durante le ultime ore di lezione: “Disagi per studenti e disabili”

Pubblichiamo la lettera di uno studente dell'Istituto Betty Ambiveri di Presezzo dove, a quanto pare, la Preside della scuola avrebbe imposto la chiusura dei bagni durante le ultime due ore di lezione.

“Professore, posso andare in bagno?”. Chissà quante volte vi sarà capitato di chiederlo al vostro insegnante. E se per qualche motivo vi fosse stato impedito?

Qui di seguito pubblichiamo la lettera di uno studente dell’Istituto Betty Ambiveri di Presezzo; dove, a quanto pare, la Preside della scuola avrebbe imposto la chiusura dei servizi durante le ultime ore di lezione.

Il motivo? Imprecisato, secondo alcuni studenti. Forse l’eccessivo viavai di alunni per corridoi e servizi a ridosso del suono della campanella.

Unico modo per accedere ai bagni: chiedere le chiavi al personale scolastico.

Nulla di così grave, se non fosse che le porte restano chiuse anche per i bagni dei disabili. E gli educatori che li seguono all’interno della scuola non sembrano averla presa bene…

Ecco qui il testo della lettera:

“Da un paio di giorni a questa parte all’Istituto Betty Ambiveri di Presezzo hanno deciso di chiudere a chiave i bagni alla quarta e alla quinta ora di lezione.

Anche i bagni per i disabili sono chiusi e per aprirli bisogna chiamare il personale scolastico in possesso delle chiavi.

Il motivo? Non ce l’hanno spiegato. Sarà per l’elevato numero di studenti che affollano i bagni e i corridoi durante le ultime ore di lezione, ma vi sembra sufficiente?

Noi ragazzi che frequentiamo la scuola non abbiamo mai visto una cosa del genere e, ovviamente, anche i bagni degli insegnanti sono chiusi.

È una situazione veramente incredibile: sia per gli studenti che devono effettivamente recarsi in bagno, sia per gli educatori che lavorano a stretto contatto con i disabili e hanno bisogno dei servizi per qualsiasi evenienza. Le lamentele maggiori provengono anche e soprattutto da loro”.

Nel frattempo, è arrivata la risposta della Preside dell’Istituto Betty Ambiveri di Presezzo, Rosarita Rota:

Come riportato nella circolare n. 324 del 19/02/2016 (visibile sul sito della scuola), la Preside conferma “il divieto di lasciar uscire gli studenti durante la prima ora, nell’ora successiva all’intervallo e, comunque, mai più di uno alla volta. Si comunica, inoltre, che nelle due ore successive all’intervallo (quarta e quinta ora) i bagni dei vari piani rimarranno chiusi. Per urgenze e necessità gli studenti e i docenti dovranno rivolgersi ai collaboratori scolastici del piano”.

Nessun riferimento, però, agli educatori che seguono i ragazzi disabili all’interno della scuola, e che, secondo la lettera, lamentano l’impossibilità di usufruire liberamente dei bagni dovendo ogni volta passare dal personale scolastico per chiedere le chiavi: “Questo non è assolutamente vero – commenta la Preside – gli educatori sono stati muniti delle chiavi proprio per non complicare loro il lavoro. Sono davvero in tanti, e qualcuno potrebbe non aver ricevuto le informazioni in maniera corretta. Altrimenti, chi voleva creare un caso poteva semplicemente venire nel mio ufficio e chiedere di parlarmi. La questione si sarebbe risolta in maniera diversa”.

 

 

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Generico
Il caso
“Migranti nei forni” Scritte shock nei bagni dell’Università di Bergamo
Generico
Ribolla (lega)
“Niente bagni alla Domus in centro, come è possibile?”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI