Il centro di Bergamo si svuota, troppi gli edifici dismessi: che fare? - BergamoNews
L'inchiesta

Il centro di Bergamo si svuota, troppi gli edifici dismessi: che fare? fotogallery

Bergamonews inizia un viaggio inchiesta per aprire un dibattito con la città e pensare la Bergamo di domani.

Il centro di Bergamo ad una certa ora della sera si svuota, il cuore pulsante della città sembra cedere battiti fino a diventare un cardiogramma spento. Da tempo si discute sul come animare il cuore della città. Ma, forse, occorrerebbe guardare un po’ più in là. Perché, dopo lo svuotamento di diversi edifici in Largo Belotti (Teatro Nuovo, la sede della Banca Agricola, il prossimo è quello degli Uffici statali) anche la via parallela al Sentierone e a via Tasso, via Camozzi, si appresta a registrare nuovi abbandoni che rischiano di desertificare ancor di più Bergamo.

Provincia 2.0,la sede di Confindustria Kilometro Rossogli edifici all’angolo tra via Camozzi e via Clara Maffeis? 

Poche decine di metri più avanti si affaccia lo stesso interrogativo per la sede di Italcementi dopo la cessione alla tedesca HeidelbergCement. Si tratta di un isolato che lambisce via Camozzi, via Madonna della Neve e via Stoppani.
Interi complessi oggi destinati a uffici e attività che si vanno ad aggiungere all’ex palazzo delle Poste, ormai abbandonato di via Pascoli e ad un altro complesso proprio di fronte, rimasto di fatto un cantiere a cielo aperto.

Una raffica e sono solamente alcune delle aree che rischiano di restare vuote e senza una precisa destinazione d’uso – il cerchio si allarga maggiormente se si arriva all’ex area della Cisalpina – perciò sembra inderogabile ideare e progettare una loro futura funzione. Magari prospettando un patto tra pubblico e privato per creare delle abitazioni con affitto riscatto o ad affitti calmierati che siano un chiaro invito alle giovani coppie a tornare a popolare il centro città.

Ma sarà bene iniziare da subito a pensare, tracciare e destinare queste funzioni urbanistiche, prima che sia troppo tardi e non resti che ammirare nel pieno centro della città i reperti di palazzi destinati ad uffici.

Come bene ha ben fatto l‘Ateneo di Scienze Lettere Arti di Bergamo che propone per il 2016, in collaborazione con il Credito Bergamasco, un nuovo progetto per rileggere e ridare vita agli spazi urbani di Bergamo. (Leggi qui).  

Il centro di Bergamo è come un paziente che non sta benissimo e con sintomi sempre più evidenti di malore. In medicina si consiglia sempre di prevenire, forse è il caso che anche Bergamo corra ai ripari. Anche se è necessario partire da due considerazioni.

l centro della città è ormai diventato un pezzo di centro storico (come fosse Città Alta o uno qualsiasi dei borghi) senza però essere, ufficialmente, centro storico. E in questa situazione tutto è più difficile.
leggi anche
  • L'intervista
    L’Ateneo provoca Bergamo: bando per rianimare la città
    ateneo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it