Il mais spinato di Gandino approda a Geo & Geo su Raitre - BergamoNews
Agricoltura

Il mais spinato di Gandino approda a Geo & Geo su Raitre

Il mais spinato di Gandino approda su Rai Tre. A Geo & Geo l’esperienza del giovane bergamasco Adriano Galizzi.

Si parlerà del mais spinato di Gandino e del richiamo che l’agricoltura ha esercitato su un giovane ingegnere gestionale di Leffe, Adriano Galizzi, nella puntata di Geo & Geo in onda dalle 15,50 su Rai Tre il prossimo 4 febbraio.

Durante la seguitissima trasmissione condotta da Sveva Sagramola il giovane  bergamasco racconterà come ha deciso di costruire il proprio futuro in agricoltura, pur avendo alla spalle l’azienda di famiglia che opera ad alti livelli nel settore tessile.

Ai telespettatori Adriano Galizzi farà conoscere l’eccellenza del mais spinato di Gandino, una varietà antica di granoturco legata al territorio seriano,  e il suo impegno per rilanciarla, trasformandola in materia prima per la produzione di farina per la polenta, dolci e grissini, ma soprattutto gallette confezionate.

Per  proporsi  sul mercato con questo ultimo prodotto Adriano Galizzi ha recentemente avviato un moderno laboratorio, con un impianto  che effettua la lavorazione  del mais a chicco intero per valorizzarne al massimo  le proprietà.

“Questa sfida imprenditoriale – sottolinea il delegato di Coldiretti Giovani Impresa Bergamo Daniele Filisetti – è un esempio in cui passione e creatività si incontrano per reinterpretare un prodotto antico con una visione moderna, contribuendo così a rilanciare un territorio messo in difficoltà dalla crisi e a ricostruirne un’identità”.

L’esperienza di Adriano Galizzi si inserisce nel quadro della trasformazione epocale che sta interessando il settore agricolo, un cambiamento che trova nel ricambio generazionale e nell’innovazione due leve per la valorizzazione dell’agroalimentare Made in Italy.

“Sono onorato di avere l’opportunità di essere ospite di un programma così apprezzato – afferma Galizzi –  per raccontare la mia scelta di vita ma anche per valorizzare le risorse che il nostro territorio e la nostra agricoltura sono in grado di esprimere, un patrimonio che noi giovani di Coldiretti abbiamo molto a cuore”.

leggi anche
  • Coldiretti
    Dal mais spinato alla galletta: il progetto di un giovane agricoltore
  • Agricoltura
    Mais, didattica e cultura: Bergamo verso Expo 2015 con il chicco spinato
  • L'intervista
    Servalli: “Con Expo il mais di Gandino jolly per la biodiversità”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it