Anche il Conservatorio di Bergamo al ministero a sollecitare il governo sull'educazione musicale - BergamoNews
Musica e formazione

Anche il Conservatorio di Bergamo al ministero a sollecitare il governo sull’educazione musicale

il direttore del Conservatorio “Gaetano Donizetti” di Bergamo, Emanuele Beschi spera "in una risposta dal nostro governo in tempi brevi così da garantire l’efficacia delle procedure per l’avvio del prossimo anno accademico".

Nei giorni tra il 26 e il 28 Gennaio 2016 le conferenze nazionali dei Conservatori statali e non statali, dei presidenti, dei direttori e dei presidenti delle consulte degli studenti si sono riunite congiuntamente a Roma nella sede del MIUR per esprimere la loro più grande preoccupazione per la situazione del sistema dei Conservatori statali e non statali italiani e più in generale per la formazione musicale nel nostro paese.

Le conferenze denunciano il persistere di un’assenza di progettualità politica e culturale che riguarda il sistema formativo in un contesto di una costante sottovalutazione di fatto del valore della musica nell’intero contesto culturale e sociale complessivo del paese. Infatti a 16 anni ormai dalla riforma dei conservatori mancano ancora fondamentali passaggi normativi, come il decreto sul reclutamento del personale docente, la messa a ordinamento dei bienni, l’organo consultivo di sistema scaduto e non rinnovato da tre anni.

Le stesse conferenze riunite ribadiscono con determinazione la necessità di essere riconosciute e considerate come dai decreti ministeriali istitutivi “quali organismi stabili di interlocuzione tra l’amministrazione e i conservatori”, statali e non statali. Esprimono inoltre la ferma contrarietà all’annuncio di norme che favorirebbero le istituzioni private a discapito delle istituzioni pubbliche.

Per questo durante il periodo tra il 13 e il 29 febbraio i Conservatori di tutta Italia proporranno delle azioni di sensibilizzazione al fine di avere una risposta dal Ministero entro la fine del mese.

Secondo il direttore del Conservatorio “Gaetano Donizetti” di Bergamo, Emanuele Beschi, “servono soldi che si possono trovare”. Il direttore spera “in una risposta dal nostro governo in tempi brevi così da garantire l’efficacia delle procedure per l’avvio del prossimo anno accademico”.

Più informazioni
leggi anche
  • Bergamo
    Gli allievi e i docenti del Conservatorio fanno il pieno di concerti
    DANIELA  GIORDANO
  • Bergamo
    Donizetti Pride for Expo Allievi del Conservatorio in concerto nel weekend
    Monica Brigada
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it