Quantcast
"Politici, sveglia!": Bergamo in piazza per le unioni civili - BergamoNews
La manifestazione

“Politici, sveglia!”: Bergamo in piazza per le unioni civili fotogallery

Erano circa 800 i partecipanti alla manifestazione per l'uguaglianza organizzata nel pomeriggio di sabato 23 gennaio in città

Bergamo in piazza a favore delle unioni civili. Erano circa 800 i partecipanti alla manifestazione per l’uguaglianza organizzata nel pomeriggio di sabato 23 gennaio in città.

Un’iniziativa promossa dalle associazioni LGBT bergamasche Arcigay Bergamo Cives, ArcilesbicaxxBergamo, Bergamo contro l’omofobia e Proud2be, indetta a livello nazionale e presente in tantissime piazze della Penisola.

Un modo, hanno spiegato gli organizzatori, per lanciare un appello a Governo e Parlamento:

“L’Italia è uno dei pochi paesi europei che non prevede nessun riconoscimento giuridico per le coppie dello stesso sesso. Le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali non godono delle stesse opportunità degli altri cittadini italiani pur pagando le tasse come tutti. Una discriminazione insopportabile, priva di giustificazioni. Il desiderio di ogni genitore è che i propri figli possano crescere in un Paese in cui tutti abbiano gli stessi diritti e i medesimi doveri.

Chiediamo al Governo e al Parlamento di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese.

La reciproca assistenza in caso di malattia, la possibilità di decidere per il partner in caso di ricovero o di intervento sanitario urgente, il diritto di ereditare i beni del partner, la possibilità di subentrare nei contratti, la reversibilità della pensione, la condivisione degli obblighi e dei diritti del nucleo familiare, il pieno riconoscimento dei diritti per i bambini figli di due mamme o di due papà, sono solo alcuni dei diritti attualmente negati”.

Presenti alla manifestazione di Bergamo anche diverse autorità politiche, come il sindaco Giorgio Gori: Noi come città ci siamo già mossi per questa battaglia. Ora speriamo che la situazione si sblocchi anche a livello nazionale”.

Con lui anche i deputati bergamaschi Antonio Misiani ed Elena Carnevali: “Siamo qui uniti per una battaglia di civiltà. E’ giusto che tutti abbiano gli stessi diritti”.

Oltre a Pia Locatelli, capogruppo della componente socialista alla Camera: “Sono anni che proviamo a fare una legge e si trova sempre un motivo per farla saltare: con 6 mila emendamenti presentati al Senato è evidente che l’accordo è quasi impossibile. Si vada al voto senza scandalizzarsi se, come è avvenuto in passato per il divorzio, si approverà la legge con altre maggioranze”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
manifestazione unioni civili
Politica
Il Pirellone inneggia al Family Day, la Bergamo pro unioni civili oggi manifesta
unioni civili
Disegno di legge
E’ braccio di ferro tra Family Day e Unioni civili: tu da che parte stai?
maurizio martina
Diritti
Il ministro Martina: “Doveroso colmare il vuoto sulle unioni civili”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI