Mozziconi gettati a terra? Anche a Bergamo scatterà la multa - BergamoNews
La nuova legge

Mozziconi gettati a terra? Anche a Bergamo scatterà la multa

Una multa da 30 a 300 euro. E' quello che rischiano i cittadini che verranno sorpresi da un agente della Polizia locale a gettare per terra un mozzicone di sigaretta.

Una multa da 30 a 300 euro. E’ quello che rischiano i cittadini che verranno sorpresi da un agente della Polizia locale a gettare per terra un mozzicone di sigaretta. Coloro che lo ritengono un gesto natural, dovranno abituarsi a non farlo più, per il bene del portafoglio e soprattutto dell’ambiente.

La legge è entrata in vigore e verrà applicata anche a Bergamo, come confermano le parole del comandante della Polizia locale Virgilio Appiani: “Sì, applicheremo la sanzione come previsto dal testo della legge – spiega -. Abbiamo già tenuto degli incontri di formazione con gli agenti impegnati nel controllo del territorio che sapranno come comportarsi in questi casi. La multa però ci sarà”.

L’articolo 40, infatti, stabilisce che ogni Comune deve provvedere a “installare nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale appositi  raccoglitori  per  la  raccolta dei mozziconi dei prodotti da fumo”, mentre toccherà a produttori e ministero dell’Ambiente attuare campagne di informazione per “sensibilizzare i consumatori sulle conseguenze nocive per l’ambiente derivanti dall’abbandono dei mozziconi. Il divieto è esteso anche ai rifiuti di piccole dimensioni, come scontrini, fazzoletti di carta e le perniciose gomme da masticare, che non potranno più essere abbandonati “sul suolo, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi”. Ovviamente vale anche per tutti gli altri Comuni della provincia di Bergamo. Fumatori avvisati, mezzi salvati.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it