Quantcast
Aspetta un figlio, ma con lo sfratto rischia di essere buttata in strada - BergamoNews
Seriate

Aspetta un figlio, ma con lo sfratto rischia di essere buttata in strada

Il Comitato Seriate per tutti ha organizzato, venerdì 15 gennaio, un presidio di solidarietà per Monia che rischia di essere cacciata di casa per morosità incolpevole.

Monia rischia di essere cacciata da casa a seguito di uno sfratto per morosità incolpevole. La donna – che vive in un appartamento di Seriate, in via Mulino Vecchio, con un figlio a carico e incinta di un nuovo bambino – è disoccupata da circa un anno e non è più in grado di pagare l’affitto.
Monia ha sperato fino all’ultimo di evitare lo sfratto, confidando nella legge 124 dell’ottobre 2013 che obbliga i Comuni a sostenere i casi di morosità incolpevole con misure di accompagnamento sociale e di graduazione dello sfratto attraverso risorse finanziarie erogate dal governo (nel 2015 Seriate ha ricevuto circa 65 mila euro, di cui ne sono stati spesi solo la metà e il rimanente verrà restituito).

In altre parole i Comuni sono tenuti ad aiutare chi non è più in grado di pagare l’affitto, impedendo l’esecuzione dello sfratto fino a quando l’accompagnamento sociale a un nuovo alloggio non si è concluso.

Tuttavia l’accompagnamento sociale del Comune – un contributo economico erogato al proprietario di casa destinato anche a copertura del debito accumulato – non è andato a buon fine, poiché Monia non è stata in grado di trovare una casa in affitto sul mercato privato e neppure ha ottenuto l’assegnazione di un casa popolare.

Così, venerdì 15 gennaio, lo sfratto è diventato esecutivo.

Il Comitato Seriate per Tutti, pertanto, ha deciso di mobilitarsi e ha organizzato – nella stessa giornata di venerdì 15 – un presidio di solidarietà per la donna.
“La nostra è una protesta contro l’Amministrazione Comunale di Seriate che spreca tante risorse ad esempio sull’idoneità alloggiativa e non è in grado di predisporre politiche abitative serie – ha commentato durante il presidio, Fabio Cochis, Unione Inquilini Bergamo – “Chiediamo, inoltre, che l’Amministrazione stabilisca la sospensione degli sfratti in modo che nessuno rimanga in mezzo alla strada!”.

L’Ufficiale Giudiziario, intervenuto per notificare lo sfratto, ha incontrato Monia e i portavoce del comitato (il proprietario di casa non era presente) e ha deciso di posticipare ogni decisione al 12 marzo.

Il Comitato Seriate per tutti continuerà a monitorare la situazione e, se entro la data concordata non si perverrà ad una soluzione definitiva, tornerà a fare sentire la sua voce a sostegno di Moira e di tutte le famiglie povere sulle quali pende un ingiunzione di sfratto per morosità incolpevole.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Generico
A endine gaiano
Famiglia verso lo sfratto, 6 bambini in strada? Presidio di Unione Inquilini
Generico
La protesta
Vertova, invalida a rischio sfratto Presidio per evitarlo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI