BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Niente domiciliari a Bossetti: respinta la richiesta degli avvocati

Gli avvocati lunedì 21 dicembre avevano chiesto gli arresti domiciliari per il muratore di Mapello che, qualora fossero stati concessi, avrebbe potuto tornare a casa con il braccialetto elettronico

La Corte ha deciso, meno di 24 ore dopo la richiesta, di negare a Massimo Bossetti gli arresti domiciliari.

Il presunto assassino di Yara Gambirasio, arrestato il 16 giugno 2014, resterà dunque in carcere. Durante l’ultima udienza dell’anno i legali di Bossetti hanno chiesto alla Corte di sostituire il carcere con gli arresti domiciliari, anche con l’ausilio del braccialetto elettronico. “Abbiamo avanzato questa richiesta – ha spiegato Salvagni a Radio Cusano – anche alla luce della nuova legge che prevede che il pericolo di reiterazione, oltre ad essere concreto debba essere attuale. Il pm si è opposto a questa richiesta. Aspettiamo la decisione della Corte. Bossetti ormai è un volto talmente conosciuto che non potrebbe né scappare né commettere un omicidio come quello che gli viene imputato”.

La Corte ha però negato gli arresti domiciliari al muratore di Mapello.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.