Quantcast
Staminali, emendamento Carnevali per assegnare 3 milioni attraverso bando - BergamoNews
La proposta

Staminali, emendamento Carnevali per assegnare 3 milioni attraverso bando

L'emendamento di Elena Carnevali mira ad accogliere la richiesta di un gruppo di ricercatori che contestano la decisione di assegnare senza bando alcuno tre milioni di euro in due anni all'esperimento proposto da Angelo Luigi Vescovi, biologo e farmacologo.

Le sperimentazioni cliniche con impiego di medicinali per terapie avanzate a base di cellule staminali per la cura di malattie rare e degenerative, tra cui la sclerosi laterale amiotrofica, saranno finanziate con un bando pubblico.

E’ questo l’effetto più importante dell’emendamento presentato dall’onorevole Elena Carnevali che, se verrà accolto, andrà a modificare il decreto 24/13 aumentando la trasparenza nell’assegnazione dei fondi disponibile ed evitando possibili conflitti di interesse.

In sostanza l’emendamento Carnevali mira ad accogliere la richiesta di un gruppo di ricercatori che contestano la decisione di assegnare senza bando alcuno tre milioni di euro in due anni all’esperimento proposto da Angelo Luigi Vescovi, biologo e farmacologo, direttore scientifico della Casa Sollievo della Sofferenza. Qualche mese fa Vescovi ha presentato il suo trial scientifico, che ha sperimentato l’utilizzo su pazienti con SLA di cellule staminali cerebrali umane prodotte in stretto regime GMP (Good Manufacturing Practice) e certificate dall’AIFA.

Elena Carnevali con la sua proposta vuole raggiungere più obiettivi: da un lato sostituire l’articolo 2 (commi 2 e 2 bis) del decreto Balduzzi modificato nel 2013, che prevedeva la prosecuzione di trattamenti in essere su base di cellule di cellule staminali mesenchimali, dall’altro sostenere la la ricerca clinica che già avviene in numerosi centri italiani con l’impiego di medicinali per terapie avanzate a base di cellule staminali per la ricerca di malattie rare .

“Come giustamente osservano 8 tra i più importanti ricercatori italiani nel loro appello, è fondamentale finanziare la ricerca sulle cellule staminali e le strutture pubbliche che lavorano in questo campo con cellule prodotte secondo il regime GMP (Good Manifacturing Practice) certificato dall’Agenzia italiana del farmaco – commenta Elena Carnevali – Ulteriore garanzia di qualità e trasparenza è il fatto che la selezione dei migliori protocolli clinici sperimentali avvenga sotto la guida dell’Istituto Superiore di Sanità e Aifa con regole chiare, consentendo ad ogni struttura sanitaria di poter partecipare. Ci si baserà quindi sulle conoscenze scientifiche e sulle evidenze sperimentali acquisite, attraverso il giudizio di istituzioni e organismi competenti, e non più sulla discrezionalità politica del legislatore. Su un tema così importante e delicato come la ricerca sulle malattie degenerative e rare le risorse sono importanti: l’emendamento prevede uno stanziamento di fondi di 2 milioni di euro per il 2017 e di altri 4 milioni per il 2018”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Ricerca per le staminali
La lettera
“Io, con sclerosi multipla ho il diritto di curarmi anche con le staminali”
Tanti dubbi sul metodo Vannoni
L'indagine
“Stamina”? Sì e no tracce di staminali nel metodo Vannoni
Generico
Medicina
Cellule staminali per curare la Sla: la sperimentazione è di un medico di Romano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI