A Piario la presentazione del recupero granoturco delle Fiorine - BergamoNews
L'incontro

A Piario la presentazione del recupero granoturco delle Fiorine

Venerdì 27 novembre a Piario si tiene la presentazione di Recupero Granoturco Va 33 locale delle Fiorine. A seguire, cena di degustazione con menù a base di grani.

Venerdì 27 novembre dalle 18,30 alle 20 a Piario si tiene la presentazione di Recupero Granoturco Va 33 locale delle Fiorine.

L’appuntamento è in aula consiliare, in via monsignor Luigi Speranza, 25.

A seguire, cena di degustazione con menù a base di grani prodotti dall’associazione "I Grani dell’Asta del Serio" nella stagione agraria 2014/2015. L’appuntamento è al ristorante "Il Moro", a Parre in via Sant’Alberto 4 (strada provinciale Ponte Nossa – Ardesio). Il menù prevede. Salumi tipici misti e formaggi locali oppure salamella con fonduta di formaggio con focaccia di farina di segale integrale (antipasti); tagliatelle di grano saraceno con ragù di cinghiale e crema tartufata oppure casoncelli con farina di grano tenero integrale (primi piatti); polenta e brasato oppure polenta e coniglio con panna e funghi (secondi piatti), castagnaccio e gelato (dessert); e caffè. Il costo è di 25 euro, bevande incluse.

Dopo oltre sessant’anni dalla sua catalogazione e oltre documentati cinquant’anni dalla cessata coltivazione, l’associazione "Grani dell’Asta del Serio" è tornata a coltivare questa varietà di granoturco che deve il suo nome alla località di produzione in Clusone.

Grazie alla collaborazione dell’Unità di ricerca per la maiscoltura (Mac) di Bergamo, che ha fornito il seme in Purezza e l’assistenza tecnica in campo durante tutto il ciclo della coltivazione. Per avere ulteriori informazioni contattare l’associazione culturale "Grani dell’Asta del Serio", telefonando al numero 329.9020440.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it