Quantcast
A Bonate Sopra il debutto dei giovani attori dell'associazione Kokelikò - BergamoNews
Lo spettacolo

A Bonate Sopra il debutto dei giovani attori dell’associazione Kokelikò

Venerdì 27 novembre a Bonate Sopra i giovani attori dell'associazione teatrale Kokelikò debuttano con lo spettacolo "Un po’ d’estate in fondo c’è".

A Bonate Sopra i giovani attori dell’associazione teatrale Kokelikò debuttano con lo spettacolo "Un po’ d’estate in fondo c’è", scritto e diretto da Federico Nava. L’appuntamento è venerdì 27 novembre alle 20.45 al Cineteatro Giuseppe Verdi di Bonate Sopra, con ingresso a 5 euro.

C’è l’odore di una crisi che tutti conosciamo, di cui tutti parliamo; che tutti sentiamo. Crisi di ideali, di valori, crisi economica, culturale, crisi personale. "Un po’ d’estate in fondo c’è" nasce dalla volontà dei giovani attori di Kokelikò (associazione teatrale nata nel 2013) di osservare come ciascun uomo la viva questa sua, questa nostra crisi; come ciascuno tenti di salvarsi.

"Un po’ d’estate in fondo c’è" (secondo spettacolo inedito dell’associazione) ci parla di un grande crimine, nel quale vittime, carnefici e testimoni si confondono fino a scambiarsi i rispettivi ruoli. Personaggi diversi, contemporanei, che creano una matassa innescata ad un’esplosione collettiva. Come districare il ‘bandolo’? Uno spettacolo che porta sulla scena, tramite l’artificio di un’efficace indagine poliziesca, il polimorfo genere umano condannato a portare sulle sue spalle un pesante bagaglio di immoralità e purezza. Violenza, potere, follia, amore e pietà sono i temi della pièce. Un caso che, alla fine, riesce a trovare una risposta, una matassa che si snoda fino a trovare una sua luce; che sia solo un debole bagliore o il sol leone, un po’d’estate, in fondo, c’è.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it