Quantcast
Giorgio Gori e Matteo Rossi in visita alla sede Teb: "Un servizio essenziale" - BergamoNews
L'incontro

Giorgio Gori e Matteo Rossi in visita alla sede Teb: “Un servizio essenziale”

Accompagnati dal presidente Teb, Filippo Simonetti e dall’amministratore delegato, Gianni Scarfone, la delegazione istituzionale ha raggiunto l’Azienda in tram dal capolinea cittadino della linea Bergamo-Albino, e ha visitato oltre agli uffici, anche il deposito dei tram, gli impianti, l’officina e il centro di controllo operativo.

Il presidente della Provincia di Bergamo, Matteo Rossi e il sindaco del Comune di Bergamo, Giorgio Gori, hanno visitato mercoledì 18 novembre la sede Teb di Ranica. Accompagnati dal presidente Teb, Filippo Simonetti e dall’amministratore delegato, Gianni Scarfone, la delegazione istituzionale ha raggiunto l’Azienda in tram dal capolinea cittadino della linea Bergamo-Albino, e ha visitato oltre agli uffici, anche il deposito dei tram, gli impianti, l’officina e il centro di controllo operativo.

"Ringrazio i rappresentanti del Comune e della Provincia di Bergamo, Enti affidatari del servizio di Teb, per la visita in Azienda – dichiara il presidente Simonetti -. Sono fiero ed orgoglioso di presentare agli amministratori un’infrastruttura di grande qualità. In un momento di difficoltà per il trasporto pubblico locale, dove lo spettro dell’ulteriore riduzione di risorse destinate al settore grava pesantemente sulle aziende, Teb rappresenta l’ottimo risultato di un investimento realizzato per il territorio e i cittadini. Sono certo che tutte le istituzioni competenti nel pianificare il trasporto pubblico locale sapranno riconoscere il valore di tale investimento, strategico per la nostra provincia, e si impegneranno a garantire la continuità delle risorse necessarie a mantenere gli alti livelli di qualità del servizio".

"Il tram non è solo trasporto pubblico – continua Simonetti –. È anche un’infrastruttura perfettamente integrata con il territorio, che attraversa più comuni di cui ha contribuito alla rigenerazione urbana, alla riorganizzazione degli spazi e dei servizi a vantaggio dell’ambiente, della qualità dell’aria e del benessere di tutti i cittadini. Simili trasformazioni non avvengono dall’oggi al domani, ma sono il frutto di investimenti nel breve, medio e lungo periodo, pensati e gestiti con attenzione e continuità. Infine, credo che il settore del trasporto pubblico locale nei prossimi anni dovrà essere riorganizzato tenendo conto di priorità nell’allocazione delle risorse con un necessario riequilibrio degli investimenti tra la gomma e il ferro".

"Dagli stati generali sul trasporto pubblico sono emersi dati che fanno ben comprendere quanto il servizio svolto dalla Teb sia essenziale – dichiara Matteo Rossi, presidente della Provincia di Bergamo – e in questo senso confidiamo nell’impegno di Regione Lombardia sul fronte delle risorse. Ma oltre al delicato tema delle risorse, siamo convinti che opere come queste possano promuovere una rigenerazione urbana nelle zone che attraversano, generando valore e trasformazioni utili a riqualificare interi territori. Anche per questo crediamo nella funzione della Teb, ne difendiamo il servizio e auspichiamo che venga rifinanziato il capitolo nazionale che destina risorse ad opere come il progetto della T2 fino a Villa D’Alme".​

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it