• Abbonati
La polemica

Dalmine, le minoranze “Carabinieri in congedo a vigilare? Non è vero”

Iodice e Cividini attaccano ancora l'amministrazione dalminese: "L’accordo fra il Comune di Dalmine e l’Associazione Nazionale Carabinieri è una bella cosa, ma non avrà nessun impatto sulla sicurezza, con buona pace degli annunci del PD".

"L’accordo fra il Comune di Dalmine e l’Associazione Nazionale Carabinieri è una bella cosa, ma non avrà nessun impatto sulla sicurezza, con buona pace degli annunci del PD": commentano così la convenzione (non ancora sottoscritta) fra l’Amministrazione del Sindaco Alessio e carabinieri in congedo il consigliere comunale Gianluca Iodice (Forza Italia) e Marco Cividini (In Dalmine).

LE DICHIARAZIONI DELL GIUNTA – "Siamo alle solite: proclami al vento in stile Renzi, ma nessun impatto sulla sicurezza del territorio da parte del PD di Dalmine – spiegano –. Abbiamo appreso dell’accordo dalla stampa lo scorso 22 settembre. Infatti il Consigliere Delegato alla Sicurezza, Giovanni Di Martino, ha dichiarato che nei giorni precedenti erano stati ‘conclusi anche alcuni accordi con l’Associazione nazionale carabinieri in congedo, che intensificherà la propria presenza sul territorio in caso, ad esempio, di manifestazioni sportive, gare ciclistiche o all’uscita dei bambini da scuola, permettendo così a polizia locale e carabinieri di dedicarsi maggiormente a compiti più delicati’. Ottima cosa, se non fosse che, soprattutto quanto ai risvolti in merito di sicurezza, di vero c’è ben poco".

NULLA A CHE FARE CON LA SICUREZZA – "Come si può desumere dalla delibera approvata il 29 settembre dalla Giunta, l’accordo che sarà sottoposto all’Associazione – dicono – prevede la cura degli spazi verdi di Guzzanica (in cambio di un corrispettivo annuo di 2000 euro) nonché ‘attività di sorveglianza nei restanti parchi’. Peccato che l’Associazione Carabinieri non possa svolgere, per Statuto, attività che hanno a che fare con la sicurezza pubblica: di conseguenza, le Forze dell’Ordine non potranno essere liberate dal compito di vigilare sugli spazi pubblici. Nella stessa convenzione, poi, è scomparsa l’idea di affidare all’Associazione la sorveglianza delle uscite delle scuole: questo sì che avrebbe utilmente svincolato la Polizia Locale. Quanto alla collaborazione per eventi e manifestazioni, è un’attività che i carabinieri in congedo svolgono già da tempo a vantaggio della cittadinanza. Il PD la smetta di vivere sui social network, scenda per strada a vedere i problemi e cominci a governare Dalmine", concludono Iodice e Cividini.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI